venerdì 12 aprile 2019

Vergognoso il PD regala altri milioni agli immigrati...


A questo giro è la Regione Lazio, guidata dal segretario piddì Nicola Zingaretti, a staccare un assegno da 1,2 milioni di euro "per interventi di integrazione sociale dei titolari di protezione internazionale e dei beneficiari di permesso di soggiorno per motivi umanitari, usciti dalla strutture residenziali". Una mossa politica, fatta a ridosso delle elezioni europee, per andare contro Matteo Salvini e la linea dura per contrastare l'immigrazione clandestina. "Vogliamo aiutare i tanti invisibili creati dal decreto Sicurezza approvato dal governo".
Con lo stanziamento di oggi Zingaretti e la sua Giunta hanno voluto mandare un segnale chiaro al governo gialloverde e, in modo particolare, a Salvini. "In questo modo - ha spiegato il governatore della Regione Lazio - vogliamo restituire l'umanità perduta alle persone in difficoltà". I soldi finiranno direttamente nelle casse di quei Comuni che hanno attivato "percorsi di accoglienza e di integrazione""Quello che fino ad oggi è stato fatto in diverse realtà locali - ha continuato - è la dimostrazione che è possibile un altro approccio nella gestione dei flussi migratori". E così a Roma Capitale saranno erogati 362.109 euro, mentre al restante territorio laziale saranno destinati 837.890 euro. Di questi ventimila euro finiranno a Castelnuovo di Porto dove è stato chiuso il Centro di accoglienza per richiedenti asilo (Cara). Per poter accedere ai fondi, gli enti titolari di un progetto di accoglienza ex Sprar dovranno presentare "una proposta volta all'inclusione sociale dei migranti, con particolare riferimento alle situazioni di fragilità e vulnerabilità".
"Lo scopo della Regione - ha spiegato l'assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, Alessandra Troncarelli - è sostenere i Comuni che hanno scelto di aderire al Siproimi per l'inserimento socio-economico e la promozione della partecipazione attiva degli stranieriall'interno della comunità che li ospita". I progetti dovranno intervenire su queste linee di azione: percorsi per la realizzazione della piena autonomia, con particolare riferimento alle famiglie fragili con minori e ai nuclei familiari monoparentali, nonchè a donne a rischio tratta o sfruttamento; interventi rivolti ai neomaggiorenni, arrivati in Italia come minori stranieri non accompagnati e ora usciti dall'accoglienza; rafforzamento della collaborazione tra pubblico e privato sociale del settore per rafforzare i servizi a livello locale. "Il nostro intervento è rivolto a coloro che, terminato il percorso di accoglienza di primo livello, restano sul territorio laziale in carico ai servizi sociali - ha, poi, concluso la Troncarelli - lo facciamo consapevoli che l'integrazione è la chiave per garantire la convivenza civile nella comunità".
"Zingaretti pensa ai migranti invece che ai cittadini del Lazio". L'accusa viene dal capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Orlando Angelo Tripodi. "Lo stanziamento regionale di 1,2 milioni di euro - spiega all'agenzia Adnkronos - è uno schiaffo agli italiani in difficoltà. Oltre un milione di euro che poteva essere investito sulla sanità, le cui condizioni sono abbastanza evidenti, o sulla casa, costruendo nuovi alloggi popolari". Secondo l'esponente del Carroccio, Zingaretti starebbe utilizzando la Regione Lazio per "contrastare il governo del buonsenso che sull'immigrazione, grazie a Salvini, ha raggiunto dei risultati eccellenti".

mercoledì 10 aprile 2019

SQUALLIDO ATTACCO CONTRO IL M5S. 1 MILIONE DI CONDIVISIONI PER AIUTARLI!



Oggi il Fuffington Post ha fabbricato una fake news ai danni del M5S, per la gioia dei militonti del Pd.
Gli antibufalari, statene certi, non si strapperanno le vesti stavolta, perciò dobbiamo metterci al lavoro anche la domenica sera e smascherare questi buffoni.
Questa mattina vi abbiamo raccontato come i giornaloni hanno nascosto la notizia della Marcia per il Reddito di Cittadinanza del M5S, dando priorità nei loro titoloni al corteo a sostegno dei migranti di Milano.

Come se questo non bastasse a disinformare l’opinione pubblica, l’Huff Post (quotidiano online edito in collaborazione col Gruppo Espresso della tessera n. 1 del Pd Carlo De Benedetti) ha rincarato la dose cambiando il significato delle dichiarazioni del segretario di Stato Vaticano Pietro Parolin.
L’Huff Post ha titolato “Parolin ‘scomunica’ Grillo: ‘Nessuno può paragonarsi a San Francesco. O dire: Noi siamo i nuovi francescani’“.
Limitandoci a leggere il titolo siamo tratti in inganno: potremmo credere che Parolin abbia lanciato una frecciatina a Beppe Grillo e ai 5 Stelle, che a San Francesco si ispirano (Il M5S è stato fondato, non a caso, il 4 ottobre, giorno in cui festeggia, per l’appunto, San Francesco).
E invece no. Scorrendo l’articolo scopriamo che il segretario di Stato Vaticano ha detto il contrario di quanto l’Huff Post vorrebbe farci credere.
Alla domanda se esiste un partito che oggi può identificarsi con San Francesco, Parolin ha risposto:
“Direi di no. Io non vedo nessun partito, questa è la mia umile considerazione, che possa identificarsi con il messaggio di San Francesco. Forse mai nessuno potrà dire ‘mi identifico con San Francesco’. È un modello talmente alto, non irraggiungibile ma talmente alto che sfugge sempre a qualsiasi identificazione.”
Ma, attenzione, ha aggiunto Parolin:
“Io sono contento se ci sono partiti o persone dentro i partiti che hanno questa attenzione verso la povertà. Questo è positivo e anche che si faccia riferimento alla figura di San Francesco, ora dire ‘ci siamo identificati con lui’…stiamo attenti anche a non manipolare queste cose”.
Nessuna “scomunica” quindi. Anzi, il cardinale ha speso anche parole d’elogio per la proposta per il reddito di cittadinanza dei 5 Stelle. Di seguito le sue dichiarazioni in merito:
“è giusto che la Santa Sede non entri in queste questioni molto tecniche. Certo, tutto quello che va nel senso della valorizzazione della dignità della persona lo appoggiamo, ci sentiamo di sostenerlo. Però sulle concrete iniziative non voglio pronunciarmi”.
La fake news del Fuffington Post è stata ripresa anche da Rai News, ovvero dal sito di notizie della televisione pubblica che paghiamo con i nostri soldi.
Una vergogna, che non possiamo tollerare. E allora condividiamo su Facebook questo articolo e commentiamo su Twitter usando l’hashtag #SmascheriamoQuestiBuffoni

Matteo Salvini cade il reato di arresto illegale. Guardate e informate tutti e' stato inventato tutto...


Matteo Salvini “perde” un reato. Trasmettendo gli atti a Palermo, infatti, la procura di Agrigento ha fatto cadere l’ipotesi di arresto illegale, prevista dall’articolo 606 del codice penale. Nel fascicolo arrivato sul tavolo del procuratore aggiunto Marzia Sabella restano quindi l’abuso d’ufficio, l’omissione di atti d’ufficio, il sequestro di persona e il sequestro di persona a scopo di coazione. Questi due ultimi reati, tra l’altro, tendono a escludersi tra loro. Le indagini sul ministro dell’Interno per il caso della Diciotti, lasciata al porto di Catania per cinque giorni con 177 migranti a bordo, infatti, potrebbero non essere finite.
Come racconta Repubblica, il ragionamento degli investigatori si gioca tutto sul filo dell’interpretazione del diritto. Le indagini spettano esclusivamente al tribunale dei ministri, al quale i pm palermitani devono consegnare il fascicolo entro quindici giorni. Prima dovranno iscrivere nel registro degli indagati il ministro dell’Interno e il suo capo di gabinetto, Matteo Piantedosi, per i reati che riterranno opportuni. Ma gli inquirenti guidati da Franco Lo Voi ragionano anche sulla competenza, ipotizzando anche un trasferimento del fascicolo a Catania. Sembrerebbe esclusa, invece, al momento l’archiviazione. Semmai, bisogna capire se al reato principale contestato a Salvini – il sequestro a scopo di coazione – non abbiano collaborato altri ministri. Secondo il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, i migranti sarebbero rimasti bloccati sul pattugliatore della Guardia Costiera per costringere l’Unione Europea a effettuare i ricollocamenti. In questo senso le dichiarazioni di altri esponenti dell’esecutivo hanno rafforzato o no il messaggio lanciato dal leader della Lega a Bruxelles? Su questo ragionano i magistrati siciliani.

Ultima Ora: PD Emiliano INDAGATO per le primarie 2017.

(ANSA) - BARI, 10 APR - Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, è indagato con il suo capo di gabinetto, Claudio Stefanazzi, e tre imprenditori dalla Procura di Bari per una vicenda che riguarda una fattura da 65.000 euro pagata da due imprenditori baresi ad una agenzia di comunicazione che ha curato la sua campagna elettorale per le primarie del Pd del 2017. I reati contestati a vario titolo sono induzione indebita a dare o promettere utilità, abuso di ufficio e false fatture.    "Ho denunciato ieri alla Procura della Repubblica una violazione del segreto istruttorio", ha annunciato Emiliano: "Lunedì 8 aprile sono infatti venuto a conoscenza che giovedì 11 sarei stato oggetto di una attività di acquisizione di documenti e dati da parte della GdF in relazione ai finanziamenti percepiti in occasione della mia campagna per le primarie del Pd del 2017. La fuga di notizie in piena violazione del segreto istruttorio precisava ulteriori fatti e circostanze".    

giovedì 4 aprile 2019

ULTIMA ORA: MULTATO ROUSSEAU, IL GARANTE: IL VOTO NON È SICURO. COSA NE PENSATE?

Gli aspetti di sicurezza della piattaforma Rousseau sono stati "migliorati in modo significativo" ma "residuano alcune importanti vulnerabilità rispetto alle quali l'Autorità è tenuta ad intervenire". È uno dei passaggi chiave del 'provvedimento su data breach' adottato dall'Autorità garante per la protezione dei dati personali al termine di una lunga istruttoria. L'Associazione Rousseau, responsabile del trattamento, dovrà pagare una sanzione di 50 mila euro.
"La piattaforma Rousseau non gode delle proprietà richieste a un sistema di evoting, che prevedono la protezione delle schede elettroniche e l'anonimato dei votanti in tutte le fasi del procedimento elettorale elettronico": essa "non appare in grado, tra l'altro, né' di prevenire gli eventuali abusi commessi da addetti interni, non essendo stati in essa previsti accorgimenti per partizionare il loro dominio d'azione né di consentire l'accertamento a posteriori dei comportamenti da questi tenuti, stante la limitata efficacia degli strumenti di tracciamento delle attività".
È quanto scrive l'Autorità garante per la protezione dei dati personali nel 'provvedimento su data breach" varato oggi. Per il Garante, "le misure adottate, consistenti in procedure organizzative o comunque non basate su automatismi informatici, lasciando esposti i risultati delle votazioni (per un'ampia finestra temporale che si estende dall'istante di apertura delle urne fino alla successiva cosiddetta 'certificazione' dei risultati, che può avvenire a distanza di diversi giorni dalla chiusura delle operazioni di voto) ad accessi ed elaborazioni di vario tipo (che vanno dalla mera consultazione a possibili alterazioni o soppressioni all'estrazione di copie anche offline), non garantiscono l'adeguata protezione dei dati personali relativi alle votazioni online". 

ULTIMA ORA: GRANDE VITTORIA PER LA RAGGI E TUTTA ROMA! GUARDATE E DIFFONDETE!

Raggi, fine gestione commissariale debito
Annuncio sindaca Roma e Castelli, 'chiudiamo conti con passato'
Nel 2021 chiuderà la gestione commissariale per il piano di rientro del debito progresso di Roma Capitale, "una sorta di bad company", come l'ha definita la sindaca Virginia Raggi, in cui "nel 2008 sono stati inseriti miliardi di debiti, arrivati attualmente a oltre 12. Oggi - annuncia Raggi insieme al viceministro all'economia Laura Castelli - chiudiamo i conti con il passato. Questa attività consente di mettere in sicurezza i conti da qui al 2048" poichè "libererà risorse per 2,5 miliardi" e "ci consentirà dal 2021, se tutto procede da programma, di ridurre l'Irpef. I romani pagano l'Irpef più alta di Italia e inizieremo a ridurla. Si inverte la rotta". Nel 2021 cesserà di esistere la struttura che fa capo alla presidenza del Consiglio dei Ministri e che era stata istituire per definire e rimborsare i debiti contratti dal Comune di Roma fino al 28 aprile 2008. La sindaca ha ringraziato per la collaborazione oltre al viceministro Laura Castelli anche il premier Giuseppe Conte

ULTIMA ORA IL GOVERNO E' COMPATTO, STA FACENDO DI TUTTO PER RISOLLEVARE I CITTADINI ITALIANI...


Il Governo è "compatto" e i retroscena secondo i quali il Movimento cinque stelle avrebbe offerto la poltrona del ministro dell'Economia Tria alla Lega sono "miti e leggende": così il vicepremier Luigi Di Maio a Mattino Cinque chiedendo di "lasciare stare" Tria. Il Governo nel pomeriggio, ha confermato, approverà il decreto per la crescita.
"Non ci sarà nessuna manovra correttiva e nessuna patrimoniale", ha assicurato Di Maio aggiungendo che il Governo sta invece lavorando sul salario minimo orario.
Di Maio ha ribadito anche l'intenzione di mettere a punto sconti per le famiglie a partire da quelli sui pannolini, sulle rette dell'asilo nido oltre a interventi per le giovani coppie che intendono acquistare una casa.
E il premier Conte, parlando alla seconda edizione del Sustainable Economy Forum nella comunità di San Patrignano, ha detto: "Immagino e confido che approveremo il decreto crescita questo pomeriggio". Poi sulle banche: "L'ho già dichiarato, stiamo lavorando alacremente. C'è una forte unità d'intenti da parte del Governo nel procedere rapidamente e assicurare liquidazioni a tutti i risparmiatori dei risarcimenti dei danni quanto prima possibile. È un problema tecnico. Oggi ci troviamo nel Cdm, confidiamo di poter risolvere anche questo", ha spiegato il presidente del Consiglio. 

LA BELLA VITA E' FINITA: ECCO COSA HANNO DECISO M5S E LEGA...


Il ministro della Giustizia Alessandro Bonafede, con un post sulla sua pagina Facebook, ha informato che è stata approvata in via definitiva la legge che prevede l’inapplicabilità del giudizio abbreviato e quindi degli sconti di pena per i delitti puniti con la pena dell’ergastolo.
Il ministro si è detto “orgoglioso” di poter dire che la certezza della pena in Italia non è più un’utopia.
“Un segnale forte a tutti i cittadini onesti: con noi al governo, chi sbaglia, paga” ha affermato Bonafede.
Il ministro della giustizia ha poi continuato affermando che “l’approvazione di questa legge è un tassello molto importante in questa direzione ed è anche un altro punto del contratto di governo che diventa legge”.

mercoledì 3 aprile 2019

COLPO DI STATO PER FAR CADERE IL GOVERNO CONTE. LANCIATO L ALLARME. CI STANNO PROVANDO IN TUTTI I MODI.

Ci hanno provato con lo spread e poi con la magistratura. Ora tentano la via dell’Ocse, noto portavoce dell’interesse del turbocapitale. Obiettivo? Far cadere il governo nazionale-popolare, attribuendogli la responsabilità di quella mancata crescita che dipende dalla austerity”
Questo è il tweet con cui il filosofo Diego Fusaro ha detto la sua riguardo il tentativo dell’Ocse e di riflesso della classe dominante turbocapitalistica di destabilizzare per l’ennesima volta il governo italiano. Questa volta il tentativo di destabilizzazione si è verificato dando un pessimo giudizio e bocciando preventivamente le manovre economiche effettuate dal governo Giallo-Verde come Quota 100 e Reddito di Cittadinanza, senza prima assistere agli effetti che queste potranno effettivamente avere sul tessuto economico e sociale Italiano.
Il filosofo sostiene che l’Unione Europea è un progetto “nato per volere della classe dominante turbocapitalistica per massacrare le classi lavoratrici d’Europa e per riplebeizzare il vecchio continente, azzerando ogni conquista sociale e imponendo la volontà sovrana dei Mercati”.
Anche il tentativo di processare Salvini per il caso relativo alla nave Diciotti- secondo Fusaro- è “un tentativo di colpo di Stato giudiziario per rovesciare un governo che ha un suo evidente mandato democratico ma che è, in maniera altrettanto evidente, sgradito ai Signori del globalcapitalismo sans frontières”.

Di Maio umilia Landini: mai una patrimoniale con il M5S al Governo, approveremo il SALARIO minimo anche senza il PD.

Oggi apro i giornali e leggo che tra i sindacati, in particolare uno, c’è chi chiede l’introduzione di una patrimoniale. La stessa patrimoniale tanto cara al Pd. È sorprendente: questi qui dicono di aver cambiato volto e le prime due cose che fanno quali sono? Una legge per alzarsi gli stipendi e la proposta di una patrimoniale! E poi dicono no al salario minimo…”.
Il vicepremier Luigi Di Maio commenta così le dichiarazioni rilasciate dal segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, in un’intervista a “Repubblica”.
Secondo Landini “occorre un piano straordinario di investimenti pubblici e privati che si inserisca in un’idea di sistema Paese basata su un nuovo modello di sviluppo centrato sulla sostenibilità ambientale, partendo dalla manutenzione del territorio, dalle infrastrutture sociali, materiali e digitali”. Con interventi “dalla mobilità alla rigenerazione delle aree urbane; dalle energie rinnovabili alla cosiddetta economia circolare; dalla ricerca e innovazione alla cultura, la formazione e l’istruzione”.
Questo piano sarebbe finanziato attraverso un cosiddetto “tributo di equità contro le diseguaglianze”.
Per trovare le risorse, ha detto Landini “serve, finalmente, una riforma fiscale degna di questo nome. È stato un errore gigantesco non averla fatta finora. Non deve riguardare solo le detrazioni sui redditi da lavoro e dei pensionati che sono comunque necessarie, bisogna intervenire sulle ricchezze per una lotta contro le diseguaglianze”.
Landini ha anche criticato lo lo sblocca cantieri, che a suo giudizio “rischia di essere una liberalizzazione selvaggia degli appalti, un ritorno alla legge Lunardi del governo Berlusconi. Ci troveremo di fronte al fatto che i progettisti e gli esecutori sono anche i controllori. È un film già visto: più illegalità e più corruzione. Insisto: bisogna avere un’idea di Paese”.
Di Maio assicura che non ci sarà “mai una patrimoniale, mai fino a quando il MoVimento 5 Stelle è al governo!” e che arriverà “subito il salario minimo, lo approviamo presto, con o senza il Pd!”.

Renzi la spara grossa: Di Maio e Salvini hanno portato in recessione l Italia. Cosa ne pensate?

Dico da italiano che in questo periodo gira anche un po’, non sta soltanto in Italia, la situazione economica per responsabilità di Salvini e Di Maio è al limite, stiamo rischiando veramente grosso e non è che lo risolvi dando la colpa all’Ocse, lo risolvi facendo le misure che servono. Questi hanno mandato il paese in recessione e rischiano di mandarlo in crisi nera pesante quindi l’unica mia preoccupazione e insistenza è solo su questo tema: che succede il primo giugno?”.
Così l’ex premier e senatore Pd Matteo Renzi, parlando alla Camera dopo una conferenza stampa.
Il governo, ha detto, “non si rende conto della gravità della situazione. Dopo le Europee c’è o la patrimoniale o l’aumento dell’Iva o tutt’e due, può darsi che eliminino gli 80 euro. Qualsiasi cosa faranno sarà comunque sbagliata e troppo tardi” e “sta sottovalutando i dati economici in modo clamoroso, a me colpisce che quasi non se ne rendano conto. Stiamo a discutere di tutta una serie di questioni incomprensibili quando il paese sta andando contro il muro”.
“Non faccio il menabo dei giornali quindi non sono interessato a capire ‘oggi apriamo con…’. Tria, ieri con il codice rosso, l’altro giorno con le fidanzate dei vicepremier…non sono interessato al chiacchiericcio quotidiano,” ha aggiunto.
Alla domanda se ci sarà una crisi politica dopo le elezioni europee, Renzi ha risposto: “Vedo una crisi economica nelle tasche degli italiani i cui responsabili sono Salvini e Di Maio per cui alla fine Salvini e Di Maio pagheranno il conto. E per essere chiaro ed esplicito su questo la settimana scorsa ero nel Nord Est, la settimana prossima ci tornerò perché è bene che sopratutto nelle aree produttive del paese arrivi forte e chiaro il messaggio che Salvini sta fermando l’economia italiana, è un errore tragico”

Grande vittoria del M5S: Adesso la certezza della pena in Italia non è più un utopia.

  1. Approvata la legge che prevede l’inapplicabilità del giudizio abbreviato, Bonafede: ‘la certezza della pena in Italia non è più un’utopia’
Il ministro della Giustizia Alessandro Bonafede, con un post sulla sua pagina Facebook, ha informato che è stata approvata in via definitiva la legge che prevede l’inapplicabilità del giudizio abbreviato e quindi degli sconti di pena per i delitti puniti con la pena dell’ergastolo.
Il ministro si è detto “orgoglioso” di poter dire che la certezza della pena in Italia non è più un’utopia.
Un segnale forte a tutti i cittadini onesti: con noi al governo, chi sbaglia, paga” ha affermato Bonafede.
Il ministro della giustizia ha poi continuato affermando che “l’approvazione di questa legge è un tassello molto importante in questa direzione ed è anche un altro punto del contratto di governo che diventa legge”.

È FINITA PER JUNKER E I SUOI COMPARI. GRAZIE AL M5S DIREMO ADDIO AGLI EUROCRATI.

Il Movimento 5 Stelle ha divulgato il proprio programma elettorale in vista delle prossime elezioni europee che si terranno tra il 23 e il 26 Maggio.
Diversi i temi toccati dal Movimento, la maggior parte dei quali volti a ridurre il deficit democratico presente nelle istituzioni europee. I 5 Stelle sostengono che all’interno dei palazzi di potere europei “la voce dei cittadini viene ignorata o addirittura calpestata”, il tutto è facilmente dimostrabile informandosi sugli esiti delle petizioni riguardanti argomenti come quello del copyright, firmata da cinque milioni di cittadini, o quello fatto alla commissione europea relativo al vietare l’utilizzo del Glifosato, firmato da un milione di cittadini. Il volere delle persone non è stato ascoltato: legge sul copyright approvata e uso del Glifosato rinnovato di ben cinque anni.
I 5 Stelle intendono rafforzare le iniziative che coinvolgono i cittadini e modificare i Trattati con l’obiettivo di introdurre i referendum europei.
Qui elencate le proposte del Movimento 5 Stelle:
-La trasformazione dell’ Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) in Iniziativa Legislativa dei Cittadini Europei, con la possibilità per i cittadini di presentare delle vere e proprie proposte legislative le quali, una volta superato il controllo di conformità ai Trattati della Corte di Giustizia, devono essere calendarizzate obbligatoriamente dal Parlamento Europeo entro un anno.
-Istituzione di Referendum Europeo Consultivo, a riguardo i 5 stelle affermano: “I Trattati assegnano oggi alla Commissione il potere di fare delle proposte legislative. Noi chiediamo che, qualora il Parlamento europeo le ritenga divisive, nocive e contrarie agli interessi superiori dei cittadini europei, può con un voto dei due terzi dell’assemblea indire un referendum europeo. Così facendo 500 milioni di cittadini dell’Unione stabilirebbero la posizione del Parlamento sulla proposta della Commissione”.
-Referendum Europeo Abrogativo, il Movimento motivano così l’introduzione di questo istituto: “Possibilità che i cittadini hanno di rimediare agli errori degli euroburocrati. Ecco i requisiti per indire questa consultazione: 5 milioni di cittadini, provenienti da almeno un terzo degli Stati membri, firmano una petizione per richiedere una consultazione che abroga un atto giuridico (o una sua parte) dell’Unione europea che abbia un effetto vincolante (e quindi un regolamento, una direttiva o una decisione). Per rendere legittimo il risultato del referendum si potrebbe prevedere un quorum minimo partecipativo del raggiungimento del 25% dei partecipanti in almeno tre quarti dei Paesi membri ed un controllo amministrativo della Corte di Giustizia. Con questa proposta daremmo ai cittadini il potere di veto, per esempio, sulle assurde politiche di austerity che bloccano crescita e investimenti”. Sui costi del Referendum aggiungono: “I costi dell’organizzazione dei referendum europei sono a carico del bilancio dell’Unione europea. Il controllo sull’ammissibilità del quesito dovrebbe essere fatto dalla Corte di Giustizia e dovrebbe essere stabilito un periodo adatto per lo svolgimento della consultazione”.
-Voto Elettronico, i Pentastellati prendono come esempio l’Estonia, paese dove il 99% dei servizi della pubblica amministrazione sono online e dove dal 2005 sono state già effettuate ben 9 votazioni con il sistema di voto online, e motivano l’introduzione del voto elettronico con l’abbattimento dei costi per l’allestimento dei seggi per gli eventuali referendum europei.

L'Europa adesso blocca le Ong. Arriva la "trappola" per le navi



Le Ong adesso fanno i conti con le nuover regole. Di fatto dall'Olanda alla Spagna arriva la stretta sulle navi umanitarie che nel Mediterraneo salvano i migranti portandoli poi in Europa.
La Sea Watch deve rispettare le nuove norme varata dall'Aja che vietano alla nave dell'ong tedesca di battere bandiera olandese. E così scatta il blocco alla navigazione. La decisione è stata presa dal ministero delle Infrastrutture. "Ci sono gravi conseguenze per Sea Watch e per tutte le altre ong che operano navi battenti con la medesima bandiera. Si tratta di un intervento frettoloso che non lascia un periodo di transizione. Mostra la volontà del governo di impedire agli attori della società civile di svolgere le loro operazioni di soccorso", ha accusato la ong. La stessa sorte è toccata all'Aquarius. Dopo la revoca della bandiera da parte di Gibilterra, l'ong Sos Mediterranèe ha dovuto incassare pure il "no" per una nuova bandiera da parte di Ankara. Non cambia la musica se si guarda a Open Arms. La nave è ferma da tempo nel porto spagnolo di Barcellona e da circa due mesi non torna in mare.
A questo quadro va aggiunta anche la Mare Jonio di Mediterranea che di fatto adesso è nel porto di Marsala ma ha già annunciato una nuova missione nelle prossime settimane. Per il momento l'unica nave operativa e presente nel Mediterraneo è la Sea Eye che con la Alan Kurdi presidia le coste davanti la Libia. In Europa dunque si registra una stretta netta sulle autorizzazioni alla navigazione per le navi umanitarie. L'accogliente Spagna di Sanchez ha già tirato i remi in barca, l'Olanda l'ha seguita sullo stesso sentiero. L'Italia resta coi porti chiusi. La stagione delle ong forse si avvia al tramonto?

martedì 2 aprile 2019

Milano, gli arabi padroni della piazza: "Gli italiani sono prigionieri"


E piuttosto di andarmene mi faccio uccidere". Elisabetta vive a piazzale Selinunte, a San Siro, dall'89. La sua vita in zona, come quella di tanti altri, è scandita da minacce, intimidazioni e offese gratuite lungo la strada. "Era un bel quartiere. Residenziale, non è periferia. Ma adesso non è più nulla", racconta al Giornale.it. "Qualche giorno fa un signore rientrava dal lavoro e, senza nessuna ragione di fondo, l'hanno picchiato e poi gli hanno spaccato la testa. Ormai neanche al pomeriggio siamo più sicuri a uscire". (GUARDA IL VIDEO)
In questo quadrilatero della paura tappezzato da case popolari, è raro sentire parlare una parola di italiano. E basta farsi un giro tra queste vie per rendersi conto che la situazione è fuori controllo. Ad ammetterlo è anche Federico Botteli, consigliere Pd del municipio 7: "A San Siro c'è un numero di reati per spaccio, prostituzione e altro che è superiore rispetto alla media di altri quartieri milanesi. Questo è dato anche dal fatto che c'è un'alta percentuale di stranieri ed è oggettivo", spiega.
I pochi negozi italiani rimasti vengono rapinati di continuo. Un negoziante - che per motivi di sicurezza preferisce restare anonimo - ci racconta la sua esperienza. "Sapete quante volte mi hanno minacciato di morte? Questi entrano e ti dicono 'dammi questo e quello'. E finché non gli dai ciò che vogliono rimangono lì. Ormai è un continuo", ci racconta. "Io giro armato, non sto scherzando. Ormai non ho alternative". Gli chiediamo chi sono queste persone che minacciano e rubano. "Sono tutti immigrati. E sapete perché? Per il semplice fatto che qui, di italiani, non ce ne sono più".
Poco più avanti, entriamo nella farmacia che si affaccia sulla piazza. Non appena vede la telecamera, però, la signora dietro il bancone ci anticipa: "Non voglio rilasciare alcuna dichiarazione per motivi che potete immaginare". Anche lei, come tanti altri che abbiamo incontrato, preferisce non farsi intervistare. Sono cittadini esasperati, e non vogliono rischiare ulteriormente. Ma, soprattutto, sono cittadini che si sentono ormai stranieri a casa propria. Come Paola, nome di fantasia, che lavora in un bar in zona. "Voglio parlare, ma non voglio essere riconoscibile", premette. "La maggior parte dei nomadi che vivono qui hanno in mano la prostituzione minorile. Io vedo sempre molte ragazze che si prostituiscono. Questo avviene dentro ad alcuni alloggi occupati", afferma. "Inoltre, ho diverse amiche italiane che stanno con degli arabi. E da questi prendono anche una manica di botte. All'inizio è tutto rose e fiori, poi, una volta che sanno di averle in pugno, inziano a picchiarle. E loro non si possono più ribellare".
In una via che si affaccia sulla piazza ci imbattiamo poi in una signora anziana. Cammina a fatica, lentamente. Ci racconta che vive qua da una ventina d'anni, in una casa popolare. Ora è sola, e malata. "Siamo arrivati al punto che è il carcere non è San Vittore - afferma - ma sono le nostre case. Perché dobbiamo essere blindati dentro. Sembriamo tutti agli arresti domiciliari". E poi conclude: "Io non ne ho la possibilità economica, altrimenti me ne sarei andata".

Vergognoso Juncker: “Alcuni ministri italiani sono bugiardi, non rivelano le somme destinate all’Italia dall’Unione europea”




Martedì mattina, durante il colloquio con il premier Giuseppe Conte, si è limitato ad esprimere preoccupazione per i conti italiani e auspicare che il governo gialloverde faccia di più per la crescita, ma sostenendo che tra Roma e Bruxelles c’è “grande amore”. Nel pomeriggio però, parlando in un’intervista a EuranetPlus citata sul profilo Twitter della radio, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha mollato gli ormeggi e attaccato “alcuni ministri italiani” che, ha detto, “sono dei bugiardi, quando non rivelano le somme destinate all’Italia dall’Unione europea“. Si profila dunque un nuovo scontro dopo la durissima polemica dello scorso autunno, in corrispondenza con la preparazione della legge di Bilancioquando il lussemburghese si era detto convinto che con l’Italia serviva rigore per evitare una crisi simile a quella della Grecia
“Abbiamo dato 130 miliardi all’Italia. Il piano Juncker ha creato investimenti nell’ordine di 63,3 miliardi”, ha detto Juncker. “C’è un italiano, uno solo, che lo sa? No, perché un certo numero di ministri italiani dicono il contrario. Sono dei bugiardi, dei bugiardi”.
Il presunto squilibrio tra contributo italiano all’Ue e fondi ricevuti è stato uno dei cavalli di battaglia del vicepremier Matteo Salvini, fatto proprio anche dall’omologo Luigi Di Maio. Entrambi hanno affermato che l’Italia dà circa 20 miliardi di euro ogni anno ma ne riceve solo 12: ci sarebbe quindi uno squilibrio di 8 miliardi. Nel 2016 in realtà il contributo dell’Italia al bilancio Ue è ammontato a 14,8 miliardi e i fondi Ue assegnati all’Italia sono stati 11,6 miliardi.