lunedì 18 febbraio 2019

Ultima ora! "Il potere deve farsi processare". I sindaci grillini vogliono Salvini alla sbarra



"Il voto su Salvini? Ci si difende nei processi". Mentre la base del Movimento 5 Stelle si prepara a votare su Rousseau, i sindaci grillini cavalcano la protesta della base che non vuole concedere l'immunità sul caso Diciotti, la nave della Guardia Costiera rimasta bloccata davanti al porto di Catania per diversi giorni lo scorso agosto.
Uno strappo, quello contenuto nelle tre interviste rilasciate al Fatto Quotidiano, alla linea dettata da Luigi Di Maio che sin dall'inizio si è espresso contro la richiesta del tribunale dei ministri di mandare a processo Matteo Salvini.
"Io non dico agli altri che cosa fare - dice Virginia Raggi - posso dire però che io un processo l'ho affrontato a testa alta e sono stata assolta. Le responsabilità, anche quelle politiche, devono restare personali". Anche Chiara Appendino ritiene "corretto che ad esprimersi nel merito siano i giudici nei diversi gradi di giudizio", mentre per Filippo Nogarin"ci si difende nei processi e non dai processi". Lo strappo alle indicazioni di Di Maio arriva da tre città governate dal Movimento 5 Stelle: Roma, Torino e Livorno. I tre sindaci, indagati o imputati per atti politici, spiegano perché il partito dovrebbe opporsi all'immunità per Salvini. Lo strappo arriva proprio nel giorno in cui la base pentastellata è stata chiamata a esprimersi sul caso Diciotti"Ho affrontato un processo e mi hanno assolta - rivendica la raggi - le responsabilità, anche politiche devono restare personali". Il primo cittadino aveva, sin da subito, annunciato che avrebbe rimesso il proprio mandato in caso di condanna: "Ma ero fiduciosa dell'assoluzione perché mi sono sempre comportata onestamente". Adesso pretende che Salvini faccia lo stesso, anche se nel corso della giornata lamenta che le sue parole siano state "ingigantite" e cha dà "sostegno pieno alla linea scelta da Di Maio".
La Appendino non intende entrare nel merito della questione. "So quanto sia complesso governare e non voglio dare un giudizio politico sull'atto alla base della richiesta di autorizzazione a procedere". Ma al Fatto Quotidiano, che oggi con Marco Travaglio si è schierato apertamente a favore del processo a Salvini, dice di ritenere "corretto che a esprimersi nel merito siano i giudici, nei diversi gradi di giudizio". Anche Nogarin è per mandare alla sbarra il leader del Carroccio. "Salvini non è un ministro più uguale degli altri - sentenzia il sindaco di Livorno - ci si deve sempre difendere nei processi, non dai processi. Dunque - incalza - negare l'autorizzazione a procedere nei confronti di un ministro significa rendere insindacabile il suo operato e questo rende, di fatto, questo ministro più uguale degli altri".
Proprio da Torino i militanti del Movimento 5 Stelle hanno fatto sentire il proprio appoggio ai tre sindaci che hanno preso le distanze dalla linea imposta da Di Maio. "Il governo non è a rischio, il nostro Movimento sì", hanno scritto in un post pubblicato su Facebook"Ci si difende nei processi e non dai processi, l'abbiamo sempre detto e continueremo a farlo - si legge sul sul social network - ringraziamo i sindaci Appendino, Nogarin e Raggi per questa importante presa di posizione e chiediamo a tutti di fare altrettanto: votate no per dire sì all'autorizzazione a procedere". Controcrrente, invece, il sindaco di Imola, Manuela Sangiorgi, che ha deciso di votare "sì" per non votare contro il governo gialloverde. "Desidero che si vada avanti nel cambiare l'Italia come sto tentando di portare il cambiamento a Imola".
La Raggi invece ha ingranato la retromarcia. "Ingigantite mie parole su caso Diciotti. Chiariamo subito un punto: sostegno pieno alla linea scelta da Luigi Di Maio", ha scritto la sindaca di Roma su Twitter.

Nessun commento:

Posta un commento