martedì 12 giugno 2018

PARLA TONINELLI: E' FINITO IL BUSINESS DELL'IMMIGRAZIONE SARA' GESTITO TUTTO CON LEGALIATA'! GUARDA E DIFFONDI!



Il ministro Toninelli ribadisce la linea del nuovo governo: "Con noi l'immigrazione sarà gestita solo nella legalità". E chiede più responsabilità all'Europa.
"Il business dell'immigrazione non è più un business". A dirlo è Danilo Toninelli che a Circo Massimo su Radio Capital ribadisce la posizione del governo per contrastare l'emergenza sbarchi.

"Sembrava normale che decine di migliaia di persone ogni anno dovevano sbarcare per forza nei porti italiani, ma ora le cose cambieranno. L'immigrazione verrà gestita nella legalità", dice il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture. Che ha smentito anche la chiusura dei porti: "Non è mai stata all'ordine del giorno", spiega, "La lettera di Salvini è una totale fake news. Non esiste una lettera ma una mail inviata a Malta per chiedere di rispondere a un obbligo: salvare vite. All'ordine del giorno - ha evidenziato ancora Toninelli - non c'è mai stata la chiusura dei porti italiani ma l'apertura dei porti altrui". Quanto poi alla gestione delle prossime navi, "ogni situazione è diversa", ha aggiunto: "Dipenderà da dove sono stati salvati e da chi".
Toninelli ha anche assicurato compattenza sulla linea da tenere all'interno dell'esecutivo: "C'è stata una condivisione all'interno del governo totale", spiega, "Abbiamo messo i nostri tecnici a lavorare, vogliamo dare le soluzioni che finora non sono state date. L'Italia è il paese che ha salvato il maggior numero di vite e nessuno si deve permettere di abbinare la parola xenofobia all'Italia e a questo governo. Il torto sta nelle case degli altri, negli altri paesi. L'Italia è stata lasciata sola".
Il riferimento è all'Europa, a cui il ministro chiede di fare di più: "L'Italia continuerà a salvare vite umane", assicura Toninelli al Corriere della Sera, "Però siamo stati chiari: bisogna condividere le responsabilità. Ognuno ha le sue: la nazione in cui navigano le carrette del mare, i Paesi per cui battono bandiera le navi delle Ong. Oggi si apre una nuova era. Il gesto della Spagna, che ringrazio, dimostra che in Europa c'è un nuovo vento di solidarietà e cooperazione, che spero investa altre nazioni".

Fonte: http://www.ilgiornale.it/news/politica/toninelli-business-dei-migranti-ora-non-pi-business-1539788.html

2 commenti:

  1. Scusate, applicando un semplice criterio che è alla base di ogni sana economia , perchè dei privati cittadini di indubbia serietà devono gestire tutto quello che è connesso con questo sporco business. ok per il coinvolgimento dei volontari , quelli seri, ma gestiti, coordinati , da funzionari probi, militari o civili ma di provenienza statale. abbattimento dei costi , non più a quota capitaria , centrale d' acquisto unica. Occorre togliere il maneggio denaro a questi avventurieri, mense militari, controllate per evitare altri imboscati. una volta che che si controllano finanziamento e spesa cominceranno gli attuali gestori a pensare ad altro e il network del malaffare si sgonfia. poi procedure più rapide per stabilire chi fugge da guerre o altro . Controlli martellanti nelle campagne , chi viene utilizzato per la raccolta deve essere remunerato giustamente. Gli ispettori del lavoro devono entrare e sanzionare chi trasgredisce, solo così si può stroncare tutte quelle attività collaterali che nutrono l' illegale mercato di schiavi. se necessario utilizzo delle forze armate per garantire incolumità e applicazione della legge.Lo Stato sino ad oggi ha abdicato per trarre vantaggio nella persona del politico o funzionario corrotti.

    RispondiElimina
  2. L'INTEGRAZIONE A DISTRUTTO IL LAVORO PER GLI ITALIANI POICHé BISOGNAVA INTEGRARE I MIGRANTI CLANDESTINI COMPRESI . IL DANNO RICEVUTO é STATO ENORME PER TUTTE LE FAMIGLIE CHI CI RIPAGA?

    RispondiElimina