martedì 12 giugno 2018

La stampa senza vergogna! Quando Giorgio Napolitano nel 1998 diceva: "Rimandiamo a casa gli immigrati" nessuno ha detto e' razzista...Guarda e diffondi!



"Siamo molto preoccupati per questi arrivi consistenti e più che mai convulsi di persone provenienti dal Nord Africa e stiamo già compiendo passi nei confronti dei governi interessati". A parlare così non è Matteo Salvini - che ha chiuso i porti alla nave Aquarius - ma il comunista Giorgio Napolitano, allora ministro dell'Interno, che nel luglio del 1998, dopo un vertice in Sicilia con il sottosegretario al Viminale Sinisi e il capo della polizia Masone sposava una linea dura sugli immigrati. Ecco un vecchio articolo de La Stampa datato 3 luglio di quell'anno.
"Stiamo lavorando per identificare coloro che sbarcano in Italia e che vengono fermati", si legge nel pezzo che riporta le dichiarazioni di Napolitano. La parola d'ordine era: "Identificare per rimandare queste persone nei Paesi di provenienza". Ma il problema che si riscontrava allora così come oggi era la lotta all'immigrazione clandestina, la difficile collaborazione dei Paesi d'origine e la difficoltà nell'espulsione degli immigrati.
Era il 1998. Vent'anni fa. Si parlava dell'emergenza clandestini mentre era appena entrata in vigore la legge Turco-Napolitano. Era il governo Prodi. 
Fonte: http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13349302/aquarius-quando-giorgio-napolitano-nel-1998-diceva-rimandiamo-a-casa-immigrati.html

Nessun commento:

Posta un commento