mercoledì 20 giugno 2018

ECCO IL MOSTRUOSO TESORO SEQUESTRATO AL “CLAN FINI”: VILLE, IMMOBILI, CONTI E DENARO CONTANTE. TUTTO GRAZIE ALL’AMICO CHE GRAZIE A LUI EBBE LA CONCESSIONE PER LE ODIOSE SLOT MACHINES! DIFFONDIAMO TUTTI QUESTO SCHIFO!



La lista completa dei conti correnti e degli immobili, tra Roma, Sabaudia e l’Abruzzo,  sequestrati dalla Guardia di Finanza ai familiari dell’ex leader di An. Che dopo l’avviso di garanzia commenta: «Ho fiducia nella magistratura»


L’immobile di Alleanza nazionale fu comprato da Giancarlo Tulliani con i soldi del re delle slot Corallo. E ora l’arresto dell’imprenditore catanese e dell’ex parlamentare Laboccetta svela i conti esteri del suocero dell’ex presidente della Camera
E’ un vero tesoro l’elenco degli immobili e dei conti correnti sequestrati all’alba di oggi dallo Scico della Guardia di Finanza a Elisabetta, Giancarlo e Sergio Tulliani. La consorte di Gianfranco Fini, ex presidente della Camera, è indagata con il fratello e il padre per riciclaggio e autoriciclaggio: secondo la Procura di Roma, i tre familiari hanno ricevuto profitti illeciti per sette milioni di euro da Francesco Corallo , l’imprenditore catanese diventato miliardario con la concessione statale per le macchinette mangiasoldi (slot e vlt). Corallo è stato arrestato il 13 dicembre nel paradiso fiscale di Sint Marteen con l’accusa di aver sottratto all’Italia oltre 250 milioni di euro.

L’inchiesta ora coinvolge anche Fini, indagato per concorso in riciclaggio. L’ex leader di An ha commentato così la notizia anticipata oggi dall’Espresso : «L’avviso di garanzia è un atto dovuto. Ho piena fiducia nell’operato della magistratura, ieri come oggi». Il riferimento è all’archiviazione dell’inchiesta del 2010 sul caso dell’appartamento di An a Montecarlo. Anche questa indagine ora è stata riaperta dopo la scoperta che Giancarlo Tulliani aveva acquistato quella casa, nel 2008, con soldi versatigli segretamente dalle società offshore di Corallo, per poi dividere il ricavato con la sorella Elisabetta, che ha incassato personalmente almeno 739 mila euro.

Ecco la lista completa dei conti e degli immobili sequestrati alla consorte di Fini, al fratello Giancarlo e al padre Sergio, impiegato in pensione dell’Enel.
Elisabetta Tulliani

800 mila euro su un conto bancario italiano.
Appartamento a Roma in via Sardegna.
Altro fabbricato nella capitale in via Orso Mario Corbino.
Altri due immobili da 167 e da 52 metri quadri a Rocca di Mezzo, in Abruzzo.


Giancarlo Tulliani

Due appartamenti di 247 e di 62 metri quadri in via Conforti a Roma.
Altro appartamento in un diverso palazzo di via Conforti.
Già sequestrati 520 mila euro sul suo conto italiano: soldi che Giancarlo Tulliani aveva tentato di trasferire a Dubai dopo l’arresto di Francesco Corallo.


Sergio Tuliani

175 mila euro su un conto italiano;
La sua quota (metà) della proprietà di un immobile a Capranica Prenestina (Roma):
Il 50 per cento di altri due appartamenti a Roma, in via Raffaele Conforti, con cantina e garage.
Metà di un altro immobile a Roma in via Roberto Ago con cantina e garage;
Il 50 per cento di un ulteriore appartamento a Roma in via Quattro Venti.
Casa al mare in via Caterattino a Sabaudia.

18 commenti:

  1. Tutti i nodi o i pidocchi in questo caso vengono al pettine e il pettine stavolta e stretto!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Che dire, mi dispiace per le figlie sicuramente non meritavano una famigliola di delinquenti.

    RispondiElimina
  3. Finalmente sarebbe ora di riprendere ciò che non è stato guadagnato con il sudore. O tolto alla pubblica amministrazione

    RispondiElimina
  4. tutti li dobbiamo scavare a questi luridi parassiti..

    RispondiElimina
  5. La vergogna della destra italiana, povero Almirante si rivolta nella tomba.

    RispondiElimina
  6. Predicava Bene e Razzolava MALE.....SCHIFOSI

    RispondiElimina
  7. Mi auguro che lo lasciano col culo x terra farabutti

    RispondiElimina
  8. Ho sempre detto che i berlusconiani non mi piacciono. Fini addirittura litigo con berlusca in diretta tv. Forse era per qualche appartamento mancato .Ma comunque don tutti ladroni

    RispondiElimina
  9. ...e a dire che...sembrava uno dei pochi politici con le palle...capace...serio...onesto....una garanzia!......CHE TRISTEZZA!!!

    RispondiElimina
  10. Risposte
    1. sicuramente.....senza alqun dubbio troppo onesto

      Elimina
  11. Eppure c'è chi crede ancora nell'ideale politico
    Tutti onesti ma benestanti, di suo? Dubitare non possono impedircelo, lo dimostreranno alla giustizia.

    RispondiElimina
  12. Che disonesti sulle palle di noi italiani in calera e buttate la chiave Pane e acqua

    RispondiElimina
  13. una famiglia perbene.......farabutti. ma importante avere fiducia della magistratura...vergognati impostore sei impostore resterai

    RispondiElimina
  14. deve pagare: Il povero Almirante si rigira nella ntomba

    RispondiElimina
  15. Se la cavera a buon prezzo! Ci sono troppi Magnoni dentro( parenti di chi sa chi!) . Questo allentera la morsa del rinvio a giudizio.

    RispondiElimina
  16. In galera ci andranno solo qualche ruba galline (a mo di capro espiatorio )

    RispondiElimina