venerdì 15 settembre 2017

FAZIO CENSURA IL M5S: DI MAIO O DI BATTISTA PERICOLOSI, DICONO LA VERITÀ! GUARDATE COSA HA DETTO E DIFFONDETE SE SIETE INDIGNATI!

L'Agcom aveva chiesto un riequilibrio dopo la puntata con Renzi e gli autori di Che tempo che fa avevano chiesto la disponibilità a Grillo, Raggi o Appendino: "Una proposta irricevibile" secondo i Cinquestelle. "Di Maio e Di Battista non vanno bene perché sono troppo pericolosi, dicono la verità"Grillo o magari Raggi e Appendino. Non Di Maio o Di Battista. In mancanza di alternative, l’ospite scelto da Che tempo che fa per rappresentare il No sarà il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini. La decisione del programma della domenica sera di Rai3 fa arrabbiare Beppe Grillo che sul suo blog definisce il conduttore Fabio Fazio un “militante Pd“. Il post è accompagnato dall’hashtag #FazioDimettiti. “Prima ha invitato Matteo Renzi – si legge sul blog – nell’orario di punta degli ascolti e poi ha ignorato completamente il M5S, principale forza d’opposizione e prima forza politica del Paese”. Secondo Grillo la trasmissione di Rai3 non ha voluto come ospiti alcuni parlamentari come il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio o il deputato Alessandro Di Battista perché “sono troppo pericolosi perché dicono la verità”. Se Fazio vuole continuare a fare il militante piddino – conclude il post – si dimetta e vada a lavorare per l’Unità, la tv pubblica è per giornalisti imparziali e onesti”. Quello di Che tempo che fa, aveva già detto nei giorni scorsi, il presidente della commissione Vigilanza Rai Roberto Fico (M5s) è stato un “aut aut” assurdo. E’ l’ennesima polemica politica su questioni di par condicio legate al referendum costituzionale. Ieri il Comitato per il No ha annunciato un esposto all’Agcom per via della presenza ritenuta eccessiva del governo nei telegiornali della Rai. In precedenza era stato il Comitato Basta un Sì a chiedere addirittura di conteggiare non solo gli interventi dei politici, ma anche dei giornalisti (soprattutto quelli del Fatto Quotidiano e in particolare su La7).
Tornando alla polemica contro Fabio Fazio, sul blog di Grillo il M5s insiste spiegando che “se non avessimo mandato un esposto all’Agcom tre giorni fa con il nostro presidente della Vigilanza Rai Roberto Fico, Fazio non avrebbe nemmeno invitato un esponente del no per rispettare la par condicio. Dopo il nostro esposto ha continuato ad ignorare il M5S e ha invitato l’avversario più comodo per il governo: Matteo Salvini“. Così, infatti, per i Cinquestelle il presidente del Consiglio avrà “gioco ancora più facile a identificare il no al referendum con la vecchia politica e gli estremisti, mentre al M5s non sarà data voce sul servizio pubblico. Per mettere le mani avanti, Fazio ha giocato ancora più sporco“. Secondo il racconto dei vertici del Movimento i responsabili della trasmissione hanno contattato i Cinquestelle “per imporci le loro condizioni: o viene uno tra Grillo, Casaleggio, Raggi e Appendino o non se ne fa nulla. Una proposta irricevibile, dato che nessuno dei quattro ha seguito in Parlamento la riforma costituzionale”. Si tratta, secondo i Cinquestelle, di “un atteggiamento ignobile e censorio, indegno del servizio pubblico”.
E’ verosimile che la richiesta da parte degli autori del programma fosse quella di avere figure più “spendibili” dal punto di vista dell’audience. Fico nei giorni scorsi aveva spiegato che “sappiamo benissimo che chi conduce un programma di ‘infotainment’ (informazione spettacolo, ndr) ha le sue esigenze e deve scegliere liberamente quali ospiti invitare. Ma questa situazione è diversa”. Fico ricorda che “siamo in par condicio, c’è un ordine di riequilibrio sul tema del referendum, e nel momento in cui ci si confronta con una forza politica per individuare un ospite, si devono comprendere la natura e le peculiarità del soggetto politico. Non può l’azienda decidere unilateralmente chi dovrà parlare per una forza politica”. I media, aggiunge il presidente della Vigilanza Rai, continuano a non capire il Movimento: “Il Movimento è una forza politica corale che mette al centro i temi sostenuti e difesi dai portavoce nelle istituzioni, ciascuno per la sua competenza; non i personaggi”.


12 commenti:

  1. Il suo comportamento non lascia dubbi sulla sua Tendenza Politica no e Certamente al di sopra delle Parti Non Può Fare il conduttore
    di Trasmissioni dove deve dimostrare La sua imparzialità NON Può Fare il Padre Padrone della Trasmissione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo pagano bene per sostenere quei mafiosi e criminali del PD questo, grazie a quei Handicappati mentali che votano quei criminali

      Elimina
  2. Qui più che commenti ci vorrebbe dell'altro.... ci siamo capiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, lo dico espressamente, ci vuole il tritolo per i mafiosi, solo così l'Italia si potrà salvare

      Elimina
    2. Un controllo dei fatti per evitare di prendere cantonate? Perchè commentare al presente una notizia dell'anno scorso mi sembra assurdo. Per quanto la cosa sia stata grave (ma ha vinto il NO in ogni caso) io trovo grave il fatto di leggere acriticamente qualsiasi cosa senza controllarla, sia che venga da destra, sinistra o M5S... d'altra parte se comincia anche l'M5S a credere nelle fake news (o a notizie vecchie spacciate come nuove) come gli elettori del PD/PDL fanno allora vuol dire che siamo messi male... :(

      Elimina
  3. Per me costoro di giornalismo non ne fanno proprio. Anche taluni giornalisti si sono appropriati indegnamente dei diritti altrui. La stampa riferisca le notizie e NON COMMENTI. In TV devono essere i partiti ad inviare chi credono e no i conduttori a scegliere. CHE CONDUTTORI SONO QUESTI SE NON SANNO GESTIRE L'IMPARZIALITA' E L'ONESTA' INTELLETTUALE ALMENO...... COMODO FARE MARCHETTE.......

    RispondiElimina
  4. Uomo ghiotto di soldi... Inarrestabile... Insaziabile

    RispondiElimina
  5. Anche se sei celebre e milionario, si nà lùtamma al servizio del sistema. Giorno verrà che pure tu devi prendere l'elicottero!

    RispondiElimina
  6. Ora le parti s'invertono Fabio Fazio censura il M5S per aver scoperto che percepirà dalla RAI/PD per alcuni anni la modesta cifra miseramente ridicola di 11 MILIONI di €uro alla faccia di non supera 750€ al mese

    RispondiElimina
  7. Spero solo che con il M5S al governo con quel contratto ti pulirai ciò che ti esce dal fondoschiena puzzolente

    RispondiElimina
  8. Ma solo io trovo strano che il referendum di cui si parla come notizia del settembre 2017 è il referendum del 4 dicembre 2016? Non dico che il comportamento di Fazio non sia stato sbagliato, ma la notizia è vecchia e la si sta spacciando come nuova senza nemmeno controllare? Basta inserire su Google "Matteo Renzi a che tempo che fa" e si vede che la trasmissione è stata nel novembre 2016... come mai il post è del settembre 2017? Per caso si parla del referendum Lombardia-Veneto e c'è stata una trasmissione con Renzi che non trovo?

    RispondiElimina