martedì 4 luglio 2017

BUFERA ITALIANI GUARDATE COSA STA SUCCEDENDO AI CONFINI DELL'ITALIA!

Altro che “unione dei popoli”, nell’Unione Europea vige la legge del più furbo.
Il governo a guida Pd, che furbo non è, si fa mettere i piedi in testa dagli altri stati europei: la crisi dei migranti dobbiamo, e forse dovremo, sobbarcarcela tutta noi perché Francia e Spagna ad aprire i porti alle navi delle ong non ci pensano minimamente.
Per di più, l’Austria si prepara a chiudere i propri confini con il nostro paese con misure eccezionali: schierando l’esercito.
Si alza la tensione in Europa sulla questione migranti. L’Austria vuole schierare l’esercito al confine con l’Italia se non rallenterà il flusso dal Mediterraneo. “Penso che saranno attivati molto presto controlli alla frontiera e che sarà necessario l’aiuto di un dispiegamento (dell’esercito)”, ha detto il ministro della Difesa di Vienna, Hans Peter Doskozil all’edizione on line del Krone Daily, indicando che questa scelta è inevitabile “se non rallenta il flusso dall’Italia”.
Il giornale scrive che 750 soldati e quattro veicoli blindati sarebbero già stati mandati al Brennero lo scorso fine settimane.
La Commissione europea intanto ha fatto sapere di essere al lavoro per preparare alcune “misure concrete” sul dossier migranti, dopo l’incontro di domenica dei ministri dell’Interno di Francia, Germania, e Italia e del commissario Ue Dimitris Avramopoulos a Parigi. Le misure saranno discusse oggi al collegio dei commissari. Uno dei nodi più spinosi da sciogliere sarà l’ipotesi di far sbarcare i migranti soccorsi non solo in Italia ma in porti di altri Paesi Ue
“.
Il Sole 24 Ore spiega che “non è la prima volta che il governo austriaco fa questa minaccia ma tutto si spiega per il voto anticipato a cui Vienna è chiamata a ottobre. A ottobre infatti l’Austria andrà al voto anticipato e la questione migratoria sarà ancora una volta il tema principale della campagna elettorale. La destra nazionalista dell’Fpoe di Norbert Hofer spera di cavalcare le paure e arrivare a guadagnare il primo posto in Parlamento scavalcando i socialdemocratici del premier Christian Kern”.



Nessun commento:

Posta un commento