venerdì 23 giugno 2017

BUFERA A FIRENZE BECCATO L'AMICO DI RENZI GUARDATE COSA FACEVA! DA DIFFONDERE ASSOLUTAMENTE!

‘Truccati i bandi per le piscine comunali a Firenze’: indagati assessore allo Sport Vannucci e l’amico della famiglia Renzi




Per questo reato, secondo quanto riporta Il Fatto Quotidiano, sono indagate a Firenze otto persone, tra cui un amico della famiglia Renzi e un assessore vicino al deputato del Pd Bonifazi.
“L’amico di Tiziano e Matteo Renzi, l’assessore fiorentino allo Sport assai vicino al deputato dem Francesco Bonifazi, la renzianissima dirigente comunale e altre cinque persone. Tutte indagate, a vario titolo, per turbativa d’asta e falso nell’assegnazione della gestione di piscine comunali di Firenze. L’inchiesta, condotta dalla procura del capoluogo toscano e dalla Guardia di finanza, ha voluto far chiarezza sugli affidamenti a privati di impianti sportivi e ha coinvolto personalità assai vicine al segretario del Pd e a suo padre. Il gip Angelo Antonio Pezzuti ha parlato di “rapporto collusivo” e “intesa” tra assessore, dirigenti comunali e imprenditori a capo delle società sportive cui andavano le gare con concessioni irregolari. L’indagine, come detto, ha coinvolto personalità che a Firenze sono considerate espressione del renzismo militante: si tratta dell’assessore allo Sport Andrea Vannucci, amico personale del deputato e tesoriere del Pd Francesco Bonifazi; della dirigente dello stesso assessorato Elena Toppino, scelta dall’allora sindaco Matteo Renzi e confermata nel ruolo dall’ex assessore allo Sport (ora sindaco Dario Nardella); dell’imprenditore Franco Bonciani, amico di lunga data di Matteo e Tiziano Renzi, nonché ex segretario del Partito democratico di Rignano sull’Arno, paese d’origine dell’ex premier.
Il gip ha anche ordinato alcune interdizioni dai pubblici uffici, chieste dai pm Giuseppina Mione e Filippo Focardi: un anno per Elena Toppino e 6 mesi per il funzionario comunale Loris Corti. Un anno di interdizione dall’esercizio dell’impresa, invece, per Franco Bonciani e Cipriano Catellacci. Nessuna misura per l’assessore Vannucci e gli altri indagati, ovvero il funzionario comunale Jacopo Vicini e i membri della commissione gare Emilio Carletti e Stefano Perla. Secondo il gip, le presunte collusioni per turbare le gare pubbliche coinvolgono sia il livello politico, rappresentato dall’assessore Vannucci, sia quello amministrativo che ne dipende, con Elena Toppino dirigente capo dell’assessorato allo sport nonché presidente della commissione gara e gli altri funzionari dello stesso assessorato. Il gip inoltre ha rilevato “la posizione di favore del Comune verso Franco Bonciani e Cipriano Catellacci”, quest’ultimo presidente di Firenze Pallanuoto asd, indebitata col Comune per 338mila euro circa. Su questo debito, sul piano di rientro e su una transazione tra la società sportiva di Catellacci e il Comune, il gip descrive l’”interesse di Andrea Vannucci” a favorire Catellacci al punto che l’assessore cerca uno sponsor per la Firenze Pallanuoto, in luogo di un altro che ha dato forfait, affinché la società si metta in regola e partecipi al bando per la gestione della piscina ‘Paganelli‘.”
FONTE:  http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/06/23/firenze-truccate-i-bandi-per-le-piscine-comunali-indagati-un-assessore-comunale-e-lamico-di-tiziano-renzi/3680394/


Nessun commento:

Posta un commento