lunedì 19 giugno 2017

BOOM SCOPPIA UNA GUERRA POLITICA Matteo Renzi, ira funesta contro i nemici: "Dove mi sono tatuato i loro nomi"

Nel tratteggiare un retroscenone sui nuovi assetti politici, da Forza Italia al Pd, tal Yoda su Il Giornale racconta un aneddoto tra il succulento e il piccante.
Riportando in realtà una rubrica su Panorama, mette in bocca a Matteo Renzi, assediato dai nemici in una specie di guerra di logoramento - queste parole: "Io sono un convinto assertore di un motto di John Fitzgerald Kennedy: i nemici si perdonano ma non dimenticare mai i loro nomi. E io, che vado oltre Kennedy, i loro nomi li ho tatuati in una parte molto sensibile del corpo". 
Certo, immaginare i vari Prodi, Letta, Orlando, Bersani e compagnia cantante laggiù dove non batte il sole, non è piacevolissimo da visualizzare. Ma sicuramente è efficace.
Non meno inquietante la frase che avrebbe detto ai suoi fedelissimi sul ministro Angelino Alfano. "Con me Alfano non tornerà mai al governo. Né lui, né la sua progenie futura". Letale.
FONTE: http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/12416291/matteo-renzi--ira-funesta-contro-i-nemici---dove-mi-sono-tatuato-i-loro-nomi--.html

Nessun commento:

Posta un commento