lunedì 27 marzo 2017

+ + + Vergogna pd + + + Pd, a Copertino i voti si decidono a tavolino I 40 presenti decidono per tutti. In 8 denunciano, la commissione annulla! Massima diffusione!

In provincia di Lecce c'è un circolo che imbarazza il Partito democratico: sulla carta hanno espresso la loro preferenza tutti i tesserati, ma in realtà nella sede erano in 40. Otto dissidenti di traverso: "Solitamente si dice 'hanno votato anche i morti', qui ci siamo fermati ai vivi, ma erano assenti". Il risultato? Renzi 100 preferenze, Emiliano 85, Orlando 65.
Ci sono un circolo e un voto farsa che imbarazzano il Partito Democratico. Copertino, provincia di Lecce: domenica i 256 iscritti sono stati chiamati al voto sulle tre mozioni congressualiMatteo Renzi ha raccolto 100 preferenze, Michele Emiliano si è fermato a 85, Andrea Orlando a 65. Quasi tutti i tesserati presenti. Un trionfo della democrazia? Non esattamente. “Il voto non si è mai svolto, hanno assegnato le schede a tavolino”, hanno denunciato gli otto iscritti che hanno presentato ricorso alla commissione di garanzia. Si è trattato di una votazione fantasma, insomma. Che il risultato sia irregolare, lo ha stabilito nel tardo pomeriggio di lunedì la commissione provinciale di garanzia che ha “preso atto che non si sono rispettate le norme congressuali e a tutela degli iscritti del Pd e di un corretto svolgimento della fase congressuale ha deliberato di invalidare il congresso, stabilendo di riconvocarlo per il prossimo sabato”.
A ricostruire ora per ora quanto accaduto nel circolo salentino ci avevano pensato i firmatari della denuncia, tra i quali figurano anche la capogruppo Pd in Comune e consigliera provinciale, Anna Inguscio, e due componenti dell’assemblea regionale, Cosimo Esposito e Vincenzo Nobile che definiscono l’accaduto un “fatto di una gravità politica assurda”.
Dopo la presentazione delle tre mozioni congressuali davanti a 60 tesserati, scrivono, “alle 12 la Garante della Convenzione ha sospeso i lavori dichiarando di aver bisogno di qualche minuto per allestire il seggio per le operazioni di votazione”. A quel punto si sarebbe riunita assieme al segretario del circolo Luca Rizzo e ai tre presentatori delle mozioni congressuali “in separata sede per non meglio precisati motivi organizzativi”. Mezz’ora più tardi, si legge nel testo dell’esposto inviato alle commissioni nazionale, regionale e provinciale del Pd e a tutte le segreterie, sono ripresi i lavori e la garante ha “dichiarato di dover abbandonare” il circolo per “motivi personali”, così la conduzione “è stata affidata al segretario del circolo, che ha assunto le funzioni di garante”. È in questo momento che inizia la votazione fantasma.
Anziché procedere come da regolamento, “il signor Gigi Nestola”, sostenitore della mozione Emiliano e componente della Commissione di garanzia regionale per il congresso, “ha preso la parola proponendo ai presenti in assemblea di adottare il metodo, testualmente, del ‘consenso unanime’ per l’assegnazione dei voti ai candidati al congresso nazionale e di assegnare 100 voti a Renzi, 85 a Emiliano e 65 a Orlando”. Una spartizione a tavolino, altro che esercizio della democrazia. “La proposta è stata messa ai voti dal segretario del circolo con funzioni di garante congressuale ed è stata approvata con il voto favorevole dei presenti, circa 40 persone, e il voto contrario di Cosimo Esposito”, componente dell’assemblea regionale del Pd pugliese che lunedì è stato tra le persone ascoltate dalla commissione di garanzia che ha annullato la votazione.
Chi tra i firmatari del ricorso era presente ha abbandonato l’assemblea non “condividendone il merito” poiché la proposta approvata “ha di fatto conteggiato e suddiviso voti non espressi di tesserati non presenti”. La richiesta era chiara, ma al momento è stata solo parzialmente accolta. Annullato il voto, ma niente commissariamento del circolo di Copertino, sul quale dovrebbe pronunciarsi il segretario regionale Marco Lacarra. E’ stato richiesto poiché “non vi sono più le condizioni di fiducia umane, politiche e congressuali – scrivono gli iscritti – per affidare lo svolgimento del congresso e la conduzione del circolo al segretario Luca Rizzo che non ha intrapreso azioni per evitare questi illeciti, ma anzi è stato complice di questo modo di fare”. Non solo. Secondo Esposito, nel circolo era presente anche il deputato Salvatore Capone “che non ha impedito l’utilizzo di questi metodi truffaldini e che si andasse oltre ogni regola congressuale”. Una ricostruzione, quest’ultima, smentita dall’onorevole dem al Fatto: “È falso, sono andato via quando è finita la presentazione delle mozioni – dice – Se fossi stato presente, nonostante non rivestissi un ruolo di garanzia, sarei intervenuto”.
“Solitamente si dice “hanno votato anche i morti”, qui ci siamo fermati ai vivi, ma erano assenti”, commenta a ilfattoquotidiano.it la Inguscio. Racconta che le sia stato detto “non venire, hai già votato: ma io in quel circolo domenica non ho mai messo piede e non so per chi ho votato, perché il seggio non si è mai insediato”. Una delusione forte per la capogruppo in Comune: “Nel Pd ci credo, anzi forse a questo punto ci ho creduto”. Per Nobile si tratta invece di un “congresso farsa, alla faccia della democrazia, con una divisione asettica delle tessere sulla base di una logica di appartenenza dei tesserati a questo o a quell’altro caporale. Vince la mozione del ‘tu sei mio’. Finisce a tarallucci e vino con buona pace del rinnovamento democratico”. E il segretario del circolo, Luca Rizzo? Ilfattoquotidiano.it ha provato a raggiungerlo telefonicamente, ma il suo cellulare risulta spento.
FONTE: IL FATTO QUOTIDIANO

Nessun commento:

Posta un commento