domenica 19 febbraio 2017

VIRGINIA RAGGI ESPLODE CONTRO IL GOVERNO! SE VOGLIONO LA GUERRA AVRANNO LA GUERRA!

GIÙ LE MANI DALLA NOSTRA ATAC
Vogliono togliere l’Atac ai romani ma noi non lo permetteremo!
L’Atac non si tocca perché è dei cittadini che l’hanno profumatamente pagata con le loro tasse. Per anni.
La strana alleanza Pd-Fi – sì, sono proprio quelli del Patto del Nazareno - ha votato una mozione in Senato per chiedere che l’azienda di trasporto pubblico romano venga commissariata.
Questa mozione della vergogna, che è un insulto a tutti romani, è stata presentata proprio da quei partitucoli che dopo aver spolpato per anni la nostra azienda, dopo averla sovraindebitata, dopo averla  abbandonata, senza manutenzioni, senza servizi degni di tale nome, adesso vogliono chiuderla regalandola ai privati.
E lo fanno adesso perché vedono che i romani hanno dato fiducia ad un movimento che da quello scempio sta facendo rinascere un'azienda: 150 nuovi bus in arrivo, riordinare i conti, biglietti elettronici, corsie preferenziali e tanto altro per il rilancio.
I loro giochi sono finiti e allora, per evitare che qualcuno possa scoprire tutto il marcio, vogliono riprendersela ancora una volta.
E, soprattutto, mentre lo fanno scappano dalle loro responsabilità di governanti: avrebbero potuto dare un bel segnale con la riduzione degli stipendi e invece distolgono ancora una volta l'attenzione dalle loro responsabilità.
Ma stavolta non glielo permetteremo: se vogliono la guerra, la guerra avranno.
Il trasporto pubblico locale è un servizio essenziale, Atac è nostra.
Vergognatevi
Dal profilo Facebook di Virginia Raggi

4 commenti:

  1. Virginia sei una delle ultime speranze per i romani e per gli italiani per uscire da questo letamaio in cui ci hanno scaraventato i ladri, i truffatori, i magnaccia della vecchia politica. Gli italiani per svegliarsi, per scrollarsi di dosso il sudiciume di corruzione con cui sono stati sommersi, hanno bisogno di una guida forte e onesta, e il M5S può far risollevare gli italiani, l'importante e' che tutti i cittadini siano informati di quello che si vuole fare. Ci vuole uno sforzo enorme per poter informare correttamente tutti gli italiani, perché la disinformazione messa in atto dai vecchi politicanti sta corrodendo in tanti la speranza di un vero cambiamento.

    RispondiElimina
  2. Preferisco pensare ( e so di essere nel vero) che Virginia sia la punta dell'iceber. È il popolo che prende coscienza liberandosi dal torpore orchestrato dalla partitocrazia, dal sistema mediatico al servizio dei potentati economici. Non è quindi l'ultima speranza, ma l'avanguardia dei cittadini informati, l'alba, il primo rintocco di una campana, il segnale che una rivoluzione è iniziata. A noi il compito di superare steccati, pregiudizi, personalismi. Ricostruiamo una comunità, guardiamo al futuro con speranza. Avanti sempre con determinazione ed onestà

    RispondiElimina
  3. Guerra e guerra sia ..... chiama a raccolta tutti

    RispondiElimina