lunedì 7 novembre 2016

ULTIM'ORA Bersani attacca ancora Renzi: Nel Pd arroganza e sudditanza

All'indomani dei fischi della Leopolda, Bersani di nuovo all'attacco: "Il Pd è casa mia, non la lascerò mai". Ma avverte: "Così non si può andare avanti"
"Il Partito democratico vedo che prende la piega di un partito che cammina su due gambe: arroganga e sudditanza. Perché a me ha fatto male sentire 'fuori, fuori', ma ha fatto ancora più male, al di là della voce da tifoseria, il silenzio di chi è stato zitto". Da Palermo, durante un dibattito sulle ragioni del No al referendum organizzato dal Centro Pio La Torre alla facoltà di Giurisprudenza, Pier Luigi Bersani torna a bastonare Matteo Renzi e il suo partito. Criticando duramente i cori indirizzati da alcuni sostenitori alla minoranza del partito durante la Leopolda. "Vuol dire che oltre all'arroganza c'è anche la sudditanza - spiega l'ex segretario piddì - ma su queste due gambe un partito di sinistra e riformista non può andare avanti".
"Adesso tutto è chiaro". Bersani è fuori di sé. E all'indomani della Leopolda, dove si è consumato l'ennesimo scontro interno al partito, riversa tutta le proprie critiche su Renzi e i renziani. "Non consentiremo a Renzi di imbrogliare le carte come fa di solito con il giochino del divide et impera - tuona in un colloquio con la Stampa - ci sono i Democratici per il Sì e i Democratici per il No. Non faremo comitati, andremo dove ci invitano a parlare, senza astio, senza dividere il mondo tra il bene e il male - incalza poi - c'è un solo partito e idee diverse, tutte con la stessa legittimità". Alla Leopolda i Renzi boys gli hanno gridato "Fuori, fuori!" fino a sgolarsi. "È stata una pagliacciata", continua Bersani accusando la Leopolda di non avere "cultura politica". "Mi ha colpito che nessuno dal palco abbia sedato quei cori da operetta - avverte - il Pd è casa mia. Non toglierò il disturbo. Quindi stiano calmi e sereni".
Bersani non sembra disposto a tacere. E, durante un incontro organizzato dal fronte del No, rivendica la propria contrarietà alle riforme costituzionali. "Questa riforma ha tanti difetti e difettucci - spiega - dall'articolo 70 a come si fanno le leggi, fino al rapporto tra centro e periferie, ma tutte cose che potrebbero essere ovviate visto che noi abbiamo cambiato 35 volte la Costituzione da quando c'è. Ma la cosa che mi preoccupa davvero e l'incrocio con la legge elettorale". Quella di Palermo è solo la prima tappa di un lungo tour siciliano che comprende anche le tappe di Ragusa e Siracusa. "Perché lì - prosegue Bersani - cambia la forma di governo che diventa un governo del capo con parlamentari nominati, una roba incredibile. E che significa aprire la strada a qualcuno che non siamo noi con l'aria che tira nel mondo".
Fonte :
http://m.ilgiornale.it/news/2016/11/07/bersani-attacca-ancora-renzi-nel-pd-arroganza-e-sudditanza/1328053/

Nessun commento:

Posta un commento