domenica 2 ottobre 2016

ULTIM'ORA FANTASTICA: PARTE IL REDDITO DI CITTADINANZA PER IL COMUNE DI ROMA! GUARDATE E DIFFONDETE QUESTA MERAVIGLIOSA VITTORIA DEL M5S!

Parte il progetto per il reddito comunale di cittadinanza. Il piano del governo Raggi è su base biennale e ovviamente è legato allo stato delle casse del Campidoglio. Già oggi l’incontro con il ex-commissario Francesco Paolo Tronca darà un quadro della situazione economica generale. Ma l’idea è quella di portare a regime il reddito di cittadinanza in due anni di amministrazione virtuosa. Già in Campidoglio gli assessorati competenti stanno facendo i primi calcoli, sono stati elaborati addirittura due piani di intervento per un doppio bacino di fruitori. Il primo è quello più stretto, forse con più garanzie di attuazione a medio termine: riguarda i 50mila romani che, per motivi di particolare indigenza o difficoltà economica, a fine 2018 avranno diritto all’assegno in base alle graduatorie, e prevede 300 euro al mese per dodici mesi, cioè 3600 euro all’anno per un totale di 180 milioni di intervento.
Il secondo ha invece un respiro più ampio, collegato ai margini del piano di rientro graduale dal debito del Comune: stesso quantitativo di euro mese/anno, 300, ma base quintuplicata, cioè le 250 mila famiglie romane con i requisiti per ottenere l’assegno dal Campidoglio, per un totale di 900 milioni di euro di intervento. Ovviamente si tratterebbe di una svolta, annunciata sì nel format di programma elettorale del Movimento 5 Stelle e già portata avanti in città cinquestelle come Livorno e Pomezia. Ma a cifre dieci volte inferiori rispetto a Roma, sia nel particolare che nel quadro generale: 300 euro al mese nella Capitale, 30 al mese nelle altre due città che hanno già messo in pratica il reddito di cittadinanza.
«È una cosa prevista nel programma del Movimento 5 stelle, è chiaro deve essere poi valutata alla luce della situazione finanziati del comune, tenendo conto dei risparmi di spesa che si faranno via via, dell’aumento di alcune entrate che dovranno essere fatto - ha detto ieri il presidente dell’Assemblea capitolina Marcello De Vito -. Compatibilmente con questo si può ipotizzare. Alcuni comuni lo hanno adottato, come Pomezia e Livorno. Presumo che non sia una cosa che possa essere fatta in tempi molto rapidi, man mano che si rimettono a posto i conti del comune si può pensare al reddito comunale di cittadinanza». Su modello già adottato in varie parti d’Europa, in accompagno all’assegno il Campidoglio potrebbe pure creare due supporti da fornire a chi ha bisogno: una social card comunale, per situazioni di indigenza difficilmente recuperabile, e una social card disoccupati destinata a chi vive una difficoltà temporanea collegata alla mancanza di lavoro.
fonte:
roma.corriere.it

10 commenti:

  1. Risposte
    1. E' sempre stato detto che ci sono i soldi per il Reddito di Cittadinanza,o perlomeno si trovano,rubandoli ai LADRI.Se ci sono per l'Italia figuriamoci per Roma.Intanto si prova!!Altro che Olimpiadi!!

      Elimina
    2. con i soldi di buzi e carminati

      Elimina
  2. Caro mimmo, é per miserabili come te lecchino pd che l'Italia é ridotta cosi. Buono solo a criticare. I soldi ce li metterá tua sorella. E sino sicuro che tu sarai uno dei primi a metterti in coda per averli. Grande Raggi e 5Stelle. Alla faccia tua e dei gufi come te, salveranno l'Italia.

    RispondiElimina
  3. Le buone notizie sono rare e vanno sempre sostenute. Al contrario delle puttanate, tipo il ponte sullo stretto e 100'000 posti di lavoro. Il reddito di cittadinanza è più fattibile.

    RispondiElimina
  4. Vero pur troppo ci saranno sempre dei stronzi.non si ribellavano quando cera Mafia capitale.ora che vogliono cambiare per il bene dei cittadini si lamentano

    RispondiElimina
  5. Grazie Virginia. Non mi sono sbagliata, che tu eri destinata ad essere la nostra Sindaca. Noi ti vogliamo bene e preghiamo sempre per te. Grazie di tutto Nostra Virginia Raggi nostra Sindaca

    RispondiElimina
  6. Ai piccoli paesi non ci pensa nessuno però

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I cittadini dei piccoli paesi devono votare M5S e sarà possibile quindi anche per loro

      Elimina
  7. Puttanate a cui solo i fessi ci possono credere! Non ci credo, sono come San Tommaso, se non vedo non credo.

    RispondiElimina