mercoledì 19 ottobre 2016

ULTIM'ORA TROPPO RENZI IN TV. Agcom SI SVEGLIA E RICHIAMA LE RETI! GUARDATE E DIFFONDETE!

Spazi tv equilibrati sul referendum – salvo Rete4 fortemente sbilanciata sul sì – ma una presenza eccessivi del presidente del consiglio Matteo Renzi e di esponenti del governo su tutti gli schermi: Rai, Mediaset, Sky e La7. Sono queste le attese osservazioni dell’Agcom – l’Autorità di vigilanza sulle comunicazioni – sul periodoi 28 settembre-16 ottobre.
“Dopo aver riconosciuto un comportamento sostanzialmente equilibrato da parte di quasi tutte le emittenti”, Agcom “ha rilevato tuttavia la sussistenza di un divario nella ripartizione dei tempi di parola tra soggetti favorevoli e contrari nelle edizioni del TG4 (con il 75% di tempo per il sì e il 25% per il no, mostrano le tabelle, ndr), con la conseguente decisione di richiamo dell’emittente”. Nella lunga riunione di oggi, 19 ottobre, il Consiglio dell’Autorità, esaminando i temi politici slegati dal referendum costituzionale, “ha ravvisato, da una parte, l’esigenza di limitare la presenza dei rappresentanti del Governo e del Presidente del Consiglio alla necessità di assicurare la completezza e l’imparzialità dell’informazione (ex legge 515/93) – fatta salva l’attualità della cronaca e dell’agenda politica – dall’altra, quella di garantire un adeguato contraddittorio tra le diverse forze politiche. Conseguentemente, l’Autorità ha adottato dei provvedimenti di richiamo nei confronti di RAI, Mediaset, SKY e La7”, spiega ancora una nota dell’Autorità.
“L’Autorità ha, inoltre, rivolto una raccomandazione generale a tutte le emittenti ad ampliare il tempo dedicato all’argomento referendario. Il Consiglio ha tra gli altri esaminato gli esposti presentati dal M5S e da Forza Italia contro RAI, ritenendo il primo riassorbito dal provvedimento di richiamo sul pluralismo informativo dei soggetti politici e istituzionali e adottando un secondo provvedimento nei confronti di RAI3 finalizzato al rispetto dell’art. 8 del Regolamento della Commissione di vigilanza”.

Nessun commento:

Posta un commento