mercoledì 5 ottobre 2016

CLAMOROSO Il Financial Times ci ripensa e si schiera per il "No"

Una vera e propria inversione a U. Il Financial Times dopo aver tifato per il "Sì" adesso si schiera col fronte del No
Claudio Torre
Una vera e propria inversione a U. Il Financial Times dopo aver tifato per il "Sì" adesso si schiera col fronte del No. Tony Barber, che solo qualche mese fa aveva sprecato fiumi di inchiostro per osannare il "sì" adesso punta il dito contro la riforma fortemente voluta dal premier: "Faranno poco per migliorare la qualità del governo, della legislazione e della politica", perché "quello di cui l'Italia ha bisogno non sono più leggi da approvare più rapidamente ma meno leggi e migliori". L'editorialista è chiaro: il punto è che "le riforme costituzionali faranno ben poco per migliorare la qualità del governo, della legislazione e della politica".
Poi cita qualche esempio: "Il Parlamento italiano ha approvato più leggi di Stati Uniti, Francia, Germania e Regno Unito. Nonostante Renzi non abbia la maggioranza al Senato, il suo governo ha approvato la riforma del mercato del lavoro e le agevolazioni fiscali che sono al centro del suo programma". Infine la bocciatura chiara del Sì al referendum: "È una cattiva riforma", che consegna il potere "alla maggioranza per cinque anni".
Fonte :
http://m.ilgiornale.it/news/2016/10/04/il-financial-times-ci-ripensa-e-si-schiera-per-il-no/1314409/

Nessun commento:

Posta un commento