giovedì 15 settembre 2016

ULTIM'ORA BOMBA UNA VITTORIA INCREDIBILE PER IL M5S OGGI È UN GIORNO STORICO

di Rosa D'Amato, Movimento 5 Stelle Europa.
Con 618 voti favorevoli su 692 votanti, il Parlamento europeo ha approvato un rapporto del Movimento 5 Stelle scritto con il prezioso contributo dei cittadini che sul portale Rousseau hanno caricato i loro emendamenti e le loro proposte. Per il Movimento 5 Stelle solo sostenendo le piccole e medie imprese l'Italia potrà ritornare a crescere. Il Movimento 5 Stelle restituisce gli stipendi di parlamentari ed europarlamentari alimentando il Fondo per il microcredito che ha aiutato finora oltre 1.000 fra piccole e medie imprese. Il Movimento 5 Stelle propone l'abolizione di Equitalia sostituendola con l'internalizzazione dei servizi di riscossione per evitare errori, cartelle pazze e alleggerire gli interessi di mora e sanzioni. Inoltre, abbiamo proposto di abolire l'Irap sulle microimprese, quelle con meno di dieci addetti e meno di 2 milioni l'anno di fatturato. Se l'Europa vuole tornare a crescere metta le piccole e medie imprese al centro della sua proposta politica, anziché privilegiare le solite multinazionali. Il rapporto della portavoce Rosa D'Amato stabilisce i criteri per utilizzare i 64 miliardi di euro stanziati fino al 2020 per favorire la competitività delle piccole e medie imprese. Ecco le novità contenute nel suo rapporto.
"Aumentare gli investimenti e chiudere il capitolo austerity, favorire l'accesso al credito e ai fondi europei, semplificare la burocrazia e migliorare la trasparenza negli appalti pubblici, ridurre i ritardi nei pagamenti della pubblica amministrazione e potenziare l'economia circolare. Sono questi i punti principali del rapporto "Promuovere la competitività delle Piccole e medie imprese" in Europa, assegnato al Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo.
In Europa ci sono ben 23 milioni di PMI: rappresentano circa il 99% di tutte le imprese e sono fondamentali per lo sviluppo, la coesione sociale, l'innovazione e per la creazione di occupazione di alta qualità.
Per aiutare le PMI bisogna superare gli ostacoli burocratici e finanziari. Occorrono maggiori fondi per favorire lo sviluppo di queste imprese, rompendo le rigide catene del Patto di stabilità, ma occorre anche dare a queste imprese la possibilità concreta di accedervi in maniera semplice e in tempi rapidi. Ecco perché nel rapporto, oltre a un aumento delle risorse per le PMI e lo sviluppo dell'imprenditorialità diffusa, chiediamo alla Commissione europea di garantire appalti pubblici trasparenti, meno burocrazia sui fondi europei, un accesso al credito più agevolato, più risorse e strumenti per l'internazionalizzazione. Bisogna concentrarsi su settori specifici come il manifatturiero, le nuove tecnologie, le costruzioni sostenibili, i veicoli verdi e le smart grids.
Il fronte della sostenibilità è centrale: una catena del valore più verde, che comprenda la rifabbricazione, la riparazione, la manutenzione, il riciclaggio e la progettazione eco-compatibile, può offrire considerevoli opportunità commerciali a numerose PMI. Anche l'approvvigionamento di energia a costi contenuti è fondamentale: le imprese europee hanno il costo dell'energia più alto del mondo e bisogna avviare un deciso processo di decarbonizzazione e autoproduzione.
Occorre, poi, combattere lo strapotere delle multinazionali anche su un altro versante: come hanno dimostrato i casi Apple, Starbucks e Fiat, queste multinazionali, grazie ad accordi fiscali immorali (Apple pagava in Irlanda lo 0,005% di tasse sugli utili), riescono a eludere il fisco e a togliere così risorse fondamentali che potrebbero essere destinate all'abbattimento delle tasse per PMI e cittadini.
Quando si parla di grandi industrie, non posso, da tarantina, non pensare al caso dell'Ilva. Dicono che per la mia città non sia possibile un futuro senza questa acciaieria vetusta, improduttiva e inquinante. Non è vero. Un futuro senza l'Ilva è possibile se il tessuto produttivo fatto di PMI viene valorizzato, se le vocazioni del territorio (agricoltura, turismo, cultura) vengono difese, se viene favorita un'imprenditorialità diffusa che colga le opportunità dell'economia circolare. Tutto il Parlamento europeo ha votato le idee del Movimento 5 Stelle, adesso tocca all'Italia recepirle".
Fonte : Beppegrillo.It

8 commenti:

  1. Se l'Italia vuole crescere, e l'Europa volesse i benefici di questa crescita, si devono rimettere i soldi in tasca ai cittadini, o abbassando drasticamente le tasse, o aumentando tutti i redditi, comprese le pensioni! Daltronde, con l'avvento dell'euro, tutte le voci di un bilancio sono state adeguate alla nuova valuta, meno i costi del personale, che hanno perso il 50% del potere di acquisto. RIDATECI LE LIREEEEEE!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sovranità monetaria torniamo alla lira

      Elimina
    2. Inoltre bisogna tornare ad una tassazione ragionevole (cioè intorno al 10-15%, come accade in Russia ) altrimenti il declino e la svendita dei nostri beni saranno inevitabili.

      Elimina
    3. Bravo Maurizio M ci intendiamo alla perfezione , basta con le fregnacce dei 780 euro una simile cifra non restituisce nessuna dignità ma solo una lenta dolorosa agonia ...se hai voglia leggiti cosa ho postato sulla la spiegazione di Di Maio che spiega le condizioni del reddito di cittadinanza....su ASTAROTH NEMESI WILD GROUP - Valter Novo attivista Movimento Cinquestelle

      Elimina
  2. Complimenti vivissimi agli europarlamentari di cinque stelle. Siete dei ragazzi meravigliosi. Avanti tutta. Bravi braviWM5S. ⭐️💖⭐️💖⭐️💖🇮🇹💖⭐️🇮🇹💖⭐️🇮🇹💖⭐️🇮🇹💖⭐️🇮🇹💖⭐️🇮🇹💖⭐️

    RispondiElimina
  3. BRAVI LAVORATE PER LA PICCOLA MEDIA INDUSTRIA , I CITTADINI LAVORATORI CON GLI STIPENDI DA FAME ,SFRUTTATI , RICATTATI , SOTTOPAGATI , I LORO CARICHI DI LAVORO , GLI ESODATI , GLI SCARTATI , QUELLI CHE LAVORANO MALATI SENZA TUTELA E GARANZIE , LE MALATTIE PROFESSIONALI, LA
    VITA RUBATA DA INDUSTRIE CHE TI SFRUTTANO E TI GETTANO CON PENSIONI MISERABILI , SENZA ASSISTENZA , SENZA SPERANZA IN VITE CHE SONO AGONIE ...PER QUESTI NULLA ,...A LORO PENSEREMO POI CON IL REDDITO DI CITTADINANZA, CON 780 EURO CHE PER VOI È DIGNITÀ,... COMPLIMENTI E FELICITAZIONI , E MANDATE PURE DI MAIO A SPIEGARE LE CONDIZIONI DELLA VOSTRA ELEMOSINA , MA CHI SIETE ? CHI RAPPRESENTATE ? I CITTADINI NO DI CERTO PERCHÉ VOI VENITE DA UNA CLASSE DI PRIVILEGIATI DOVE IL RICCO PUÒ STARE A COGLIONARE SUL DIVANO , IL POVERO NON HA DIRITTO AL PENSIERO AI SOGNI ALLA LIBERTÀ, DEVE ESSERE SPEZZATO ARRIVARE A CASA SENZA FORZE NEPPURE PER LEGGERE UN LIBRO È QUESTO IL FUTURO CHE CI RISERVATE..??? FESTEGGIATE COGLIONI E COGLIONE IO CHE SONO UN VOSTRO ATTIVISTA, NON TEMETE NON CHIEDERÒ DI ENTRARE IN UNA DEMOCRAZIA DIRETTA CHE IMPIEGA MESI PER ACCREDITARE LE PERSONE B SRNZA ACCORGERSI CHE COSÌ LE UMILIA ...ZIO WALT M5S

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Toh è sparito il mio commento , in cui peroravo attenzione alle fasce deboli e non solo alla piccola media industria ! Bene per la vittoria europea ... ma questa mossa che non ammette dissenso verso chi si è battuto per tre anni per difendendere i valori comuni , tra cui la democrazia e la libertà di pensiero da ogni attacco ... mi delude profondamente. Riflettere sulla deriva di un Movimento, sull'equità , la giustizia sociale , i disequilibri è degno di forza e coerenza , forse avreste bisogno della saggezza di uomini che hanno vissuto la storia degli ultimi 60 anni , che hanno sperimentato dolore e resurrezione, che sappiano essere diversi nella sostanza , questa società ha bisogno di un riscatto forte ed equilibrato , dove sono i cittadini emarginati , sfruttati e umiliati per decenni che avevate promesso di portate al governo del paese ?Mi fermo qui per tolleranza in attesa di discutere con fratelli del Movimento, ora riprendo a fare il moderatore a dare lezioni di bon ton , a spiegare la crescita individuale a fare risposte sul mondo possibile che potremmo conquistare e forse perderemo a causa di comportamenti dissennati , silenzi inopportuni che sanno di disprezzo per tutti coloro che attendono di dare il loro contributo creativo ! Non fate arrabbiare i vostri sostenitori non lo meritano loro e sprecate le ottime cose fatte in questi anni !

    RispondiElimina