martedì 30 agosto 2016

ULTIM'ORA CLAMOROSA DI MAIO SENZA FRENI ASCOLTATE COSA DICE SU IL REDDITO DI CITTADINANZA E SU I GEOLOGI

Nel 2015 il vicepresidente della Camera pontificava la chiusura di "enti inutili" che servono solo a dare lavoro ai geologi per finanziare il reddito di cittadinanza

Clarissa Gigante
"Il geologo sta facendo una cosa inutile". Parole che stridono con le immagini che da giorni affollano le cronache di tutti i giornali e che sono state pronunciate nientedimeno che dal vicepresidente della Camera Luigi Di Maio meno di un anno fa, il 15 ottobre 2015, durante una puntata di diMartedì.

Il tema era il reddito di cittadinanza - da tempo cavallo di battaglia del M5S - per finanziare il quale Di Maio proponeva l'abolizione di enti inutili "che danno lavoro, ma in realtà quello non è un vero e proprio posto di lavoro perché sta facendo una cosa inutile". Il riferimento era in particolare a quegli enti che danno lavoro ai geologi, appunto, come Ingv e Cnr. "Allora, se una persona non lavora più in un ente inutile perché l’abbiamo abolito, col reddito di cittadinanza lo formiamo e lo reinseriamo in un altro ambito lavorativo", proponeva allora Di Maio, "Mentre lo formiamo lui ci deve dare (la persona, il cittadino) otto ore settimanali di lavori pubblici e gli diamo 780 euro al mese. In Italia abbiamo bisogno di 766 mila infermieri da qui al 2020, migliaia di meccanici…"

"Ma non può prendere uno da un ente di ricerca sulla geografia mondiale e metterlo nel posto in cui dice lei", aveva fatto notare Floris. Ma per il membro del direttorio a Cinque Stelle non c'erano ragioni: "Beh, lo chieda ai tanti italiani che sono stati licenziati dopo trent’anni e cercano un posto di lavoro. Io non posso tenere in piedi un ente inutile perché quello vuole fare il geologo però non ci serve! Eh, mi dispiace questo".

Parole quelle di Di Maio che già allora avevano sollevato un polverone, costringendo il grillino a precisare che il lavoro dei geologi va valorizzato e che è necessario investire in sicurezza. Ma che alla luce del sisma del 24 agosto sembrano quantomeno azzardate.

Fonte :
http://m.ilgiornale.it/news/2016/08/30/quando-di-maio-diceva-che-i-geologi-sono-inutili/1300824/

1 commento:

  1. QUESTO QUI VA D`ACCORDO CON LA MERKEL! SE UNO STUDIA UNA COSA MI SEMBRA PIÙ CHE GIUSTO CHE GLI SFORZI IN PIÙ I COSTI SOSTENUTI PER RAGGIUNGERE UNA QUALSIASI QUALIFICA PROFESSIONALE VENGANO VALUTATI! NON TUTTI I LAVORI SONO UGUALI E NON TUTTA LA GENTE HA LE STESSE CAPACITÀ INTELLETTIVE! IN GERMANIA SE UN INGEGNERE PERDE IL LAVORO E COSTRETTO A CERCARSENE UN`ALTRO SI! MA SEMPRE NELLA SUA SPECIALIZAZZIONE!SE TUTTI I LAVORI SONO UGUALI CHE CI VADANO I POLITICI A LAVARE PIATTI NEL RISTORANTE A PILIRE I CESSI E A SCAVARE SOTTO TERRA! SE DOPO TRE ANNI NON NE HA TROVATO; PUÒ ANCHE ANDARE A PILIRE CESSI BASTA CHE ACCETI UN LAVORO PERCHÉ INCOMINCIANO A PRESENTARTI LAVORI OVE SEI COSTRETTO A PRESENTARTI E SE NON ACCETTI TI TOLGONO GLI AIUTI SOCIALI! UNO CI METTE DA 18 A 25 ANNI PER STUDIARE UNA COSA E POI ARRIVA UN POLITICANTE DA DUE SOLDI(MERKEL)E DECIDE CHE DOPO TRE ANNI DI DISOCCUPAZIONE LA TUA LAUREA NON VALE PIÙ NULLA?!

    RispondiElimina