mercoledì 13 luglio 2016

PARLANO DI MINACCIA RUSSA! MA LA NATO?

Nonostante vada professando atteggiamenti distensivi, l’occidente nell’ultima settimana sta continuando imperterrito a lanciare segnali tutt’altro che concilianti nei confronti della Russia. Il primo è arrivato nel fine settimana a Varsavia, dove si teneva il vertice NATO. Durante il summit si è ricorso per la prima volta a un nuovo formato per discutere la crisi ucraina: il “Great Five”. A prenderne parte i primi c’erano i primi ministri e i ministri degli Esteri di Stati Uniti, Germania, Francia, Regno Unito e Italia, ai quali, soltanto in un secondo momento si è aggiunta anche l’Ucraina, vera e unica artefice, secondo fonti diplomatiche, di questo formato sperimentale.
 Le manovre si concentreranno sulla simulazione di un'operazione multinazionale di sicurezza in un'area di crisi.
La formazione prevede un aumento del livello di fiducia e di sicurezza nelle regioni del Mar Nero, così come una maggiore interoperabilità tra le forze navali ucraine e le marine dei paesi membri della NATO. I piani già approvati prevedono sul territorio ucraino la presenza, per un massimo di 25 giorni, di duemila soldati degli Stati Uniti e di altri paesi membri della Nato, con armi ed equipaggiamenti militari, 15 navi, 5 sottomarini, 12 tra aerei ed elicotteri e 100 blindati corazzati. Quest'anno le Forze armate ucraine prenderanno parte a dieci esercitazioni multinazionali, quattro delle quali si svolgeranno nel territorio del paese. Nel dicembre 2015 l'Ucraina aveva adottato una legge apposita per permettere l'ammissione di contingenti militari stranieri sul proprio territorio nel 2016, al fine di l'esecuzione di manovre militari internazionali congiunte. Piccoli dettagli per alcuni, ma perMosca è l'ennesimo campanello d'allarme.
fONTE:http://www.lantidiplomatico.it

Nessun commento:

Posta un commento