lunedì 25 luglio 2016

I VIP 5 STELLE DA MINA A RAMAZZOTTI TUTTI VOGLIONO BEPPE GRILLO...

Non c'è solo Dario Fo tra i sostenitori dell'M5s. Anche il suo antico amico-nemico Giorgio Albertazzi ha dichiarato di aver votato il partito di Grillo alle ultime elezioni. Ma la lista di artisti italiani diventati testimonial dello tsunami a cinque stelle comprende anche cantanti del calibro di Celentano e Mina, fino ad arrivare ad Eros ramazzotti.
ALBERTAZZI CON LOMBARDI. Ilmolleggiato ha votato per il Movimento 5 Stelle in disaccordo con sua moglie Claudia Mori. «Non mi piace per niente questo loro modo di sottrarsi al confronto democratico e di far prevalere l'insulto, un atteggiamento pericoloso e sbagliato», aveva detto lei.
Ma è Albertazzi, 90 anni ad agosto, che ai microfoni di Un giorno da pecora su Radiodue ha persino condiviso il parere positivo sul «primo fascismo» espresso dal capogruppo Movimento 5 Stelle alla Camera, Roberta Lombardi. «Ha totalmente ragione. E non soltanto all'inizio. Fino ad un certo punto, il fascismo ha cambiato l'Italia da paese agricolo a paese industriale, ha inventato l'aviazione, ha dato un'architettura, ha inventato i grandi conclavi della letteratura e l'Accademia della Crusca. È diventato atroce appena è diventato imperialista», ha detto Albertazzi.
LAURITO: «ELETTA GENTE COMUNE».Confida nella rivoluzione bianca di Grillo anche Maurisa Laurito, sua amica da tempo. «Grillo è perfetto per scardinare un assetto politico corrotto almeno al 70%. Dicono che sia populista. Ma è populismo protestare perché non si riesce più a vivere? Dicono che abbia fatto eleggere gente comune. E Berlusconi cosa ha fatto con le Minetti, con le Carfagna?».
EROS: «ANTIDOTO ALLA DISPERAZIONE». Anche quello di Lapo Elkann è stato un voto di protesta, come ha spiegato a Le Monde. «Alle ultime elezioni ho votato per qualcuno che non mi piace! Voglio vedere il mio Paese risplendere e non mi rassegno alla mediocrità della nostra classe politica, sono un patriota, amo l'Italia». Della stessa lunghezza d'onda Eros Ramazzotti. Martedì 5 marzo, subito dopo il suo concerto a Mantova, il cantautore ha dichiarato: «Ho simpatizzato per Grillo fin dall'inizio. E l'ho votato. Oggi non c'è altro a cui appoggiarsi. Credere in lui è l'unico antidoto alla disperazione. L'importante è che ora facciano quello che dicono».

Fonte: http://www.lettera43.it/politica/vip-a-5-stelle-da-mina-a-ramazzotti_4367586801.htm

1 commento:

  1. I nostri cantanti si schierano per il Movimento... bella MUSICA... ottime le parole.

    RispondiElimina