lunedì 20 giugno 2016

USCITE AL PIU PRESTO ...NON FATE LA NOSTRA FINE!


Lettera aperta ai cittadini del Regno Unito in vista del Referendum del 23 giugno
Cari elettori britannici,
il Regno Unito ha aderito alla Comunità europea nel 1973 e vale la pena ricordare che il popolo non è stato interpellato prima di firmare l'accordo di adesione. Solo due anni dopo, nel 1975 si è tenuto un referendum sulla permanenza nella Comunità europea, che è stato approvato dal 66 per cento degli elettori.
L'idea di base, come è stato spiegato ai cittadini in Europa, era una comunità di nazioni europee in amicizia, solidarietà, mutuo vantaggio e la democrazia : i valori europei fondamentali.
Purtroppo, queste promesse si sono dimostrate false o hanno fallito. Non c'è libertà, solidarietà e amicizia nell'Unione europea. L'Unione europea ha dimostrato di agire per conto degli interessi delle banche, delle imprese multinazionali e dei gruppi ombra, non a favore della sua gente. Infatti, l'Unione Europea è un'unione economica con un mercato comune (senza frontiere interne), che consente una libera circolazione di denaro, beni e persone / forza lavoro, e un processo in corso per armonizzare le norme aziendali. L'Unione europea è stata progettata come un cartello e in genere, vi è una mancanza di strutture e processi democratici:. la Democrazia diventa un fattore di disturbo. La democrazia soprattutto se diretta, è contro ogni fibra di questa Unione europea. Il voto dei popoli si perde nella burocrazia dell'Unione europea. L'Unione europea è guidata da tecnocrati e un'agenda che porterà agli Stati Uniti d'Europa, alla perdita della sovranità nazionale e dell'identità dei paesi europei. I parlamenti nazionali hanno già delegato le loro responsabilità e la sovranità alle istituzioni europee e di conseguenza il voto nazionale diventa sempre più irrilevante.
Il Parlamento europeo, l'unica istituzione dell'Unione europea eletto dai cittadini, ha una funzione più o meno decorativa, non può legiferare come i parlamenti nazionali. La Commissione europea, che è in realtà il governo europeo, non è eletta. E' composta da delegati dei governi nazionali. Come nota Horst Seehofer - Il primo ministro della Baviera -: Coloro che sono eletti non decidono e chi decide non è eletto.
L'Unione europea ha una lunga storia nell'ignorare il voto del popolo. I referendum sono solo benvenuti se approvano la politica ufficiale dell'Unione europea. Se le persone non votano come chiesto, i governi organizzano una campagna di informazione e ripetono il referendum fino a quando il risultato non è conveniente o il risultato del referendum è ignorato o ribaltato.La Danimarca ha votato nel referendum del
 Giugno 1992 contro il Trattato di Maastricht, la versione ri-negoziata è stata approvato in un secondo referendum nel maggio 1993.   
Nel 2001 gli elettori irlandesi hanno respinto il Trattato di Nizza, in un secondo referendum nel 2002 è stato approvato.
La Francia ha votato nel maggio 2005 contro la proposta di Costituzione europea. Il referendum avrebbe dovuto tenersi anche in Repubblica Ceca, Danimarca, Irlanda, Polonia, Portogallo e Regno Unito. Poiché il rischio di ulteriori rifiuti era troppo alto, l'Unione europea ha deciso di modificare il testo e farlo firmare come trattato dai governi nazionali, questo è ciò che abbiamo oggi come Trattato di Lisbona.
Noi, il popolo greco, abbiamo votato nel luglio 2015 contro ulteriori misure di austerità richieste dalla troika, e il nostro voto è stato ignorato. Prima del ​​referendum anche alti funzionari dell'Unione Europea hanno avvertito il popolo greco a non votare NO in quanto ciò avrebbe portato ad un Grexit, anche se questa opzione non è contemplata nei trattati europei.
Nel mese di marzo 2016, l'Unione europea ha firmato un accordo con la Turchia per rispondere alla crisi migratoria. Parte dell'accordo prevede che l'Unione europea accolga una quota di migranti e li distribuisca all'interno dei paesi europei. L'Ungheria ha annunciato che terrà un referendum sulla migrazione forzata, questo referendum è stato condannato come misura antidemocratica.
Qualche tempo fa, il popolo olandese ha votato in un referendum contro l'accordo UE-Ucraina. I funzionari dell'UE menzionati in diverse interviste hanno dichiarato, che, ovviamente, i referendum sono pericolosi e una minaccia contro l'Unione europea . In verità, i referendum sono pericolosi per l'UE di oggi, ma non pericolosi per i cittadini europei. Nel frattempo, ci sono discussioni serie per vietare referendum all'interno dell'Unione europea in generale , al fine di evitare ulteriori conflitti.
Anche in Svizzera, il paese con la pratica più avanzata del referendum, i politici temono più di ogni altra cosa il voto del popolo, in quanto può distruggere i loro piani nel caso in cui le persone non votino come li consigliano.
L'Alleanza europea stop-TTIP è una iniziativa di più di 500 organizzazioni in tutta Europa e ha raccolto più di 3,4 milioni di firme per fermare TTIP e CETA. Tali accordi sono considerati come una minaccia per la democrazia, l'ambiente, i consumatori e le norme del lavoro. Ma la Commissione europea li ignora ...
Cari amici della democrazia nel Regno Unito,
Vogliamo esprimere la nostra solidarietà ora che siete chiamari a prendere una decisione storica per il Paese e per il vostro popolo, come abbiamo fatto la scorsa estate.
Il 23 giugno 2016 dovrete decidere in un referendum sull'adesione del Regno Unito all'Unione europea. Un referendum è un elemento di democrazia diretta, la massima espressione della volontà dei popoli, un privilegio e una rara opportunità nell'Unione europea.
Ora avete la possibilità storica di celebrare la giornata nazionale dell'indipendenza e fermare l'ulteriore trasformazione dell'Europa in una dittatura europea.
La democrazia è la chiave per la libertà, la pace e la prosperità; protegge i diritti umani e garantisce il rispetto e la tolleranza.
I nostri pensieri sono con voi, vi auguriamo dalla Grecia una votazioe democratica,
* * * 

Nessun commento:

Posta un commento