mercoledì 29 giugno 2016

"IN RUSSIA HANNO CAPITO CHE SIAMO I PROSSIMI AL GOVERNO"

di Manlio Di Stefano, portavoce M5S Camera
Ne ha parlato la stampa di tutto il mondo e, in Italia, solo il Corriere della Sera.
Domenica ho avuto il piacere di rappresentare il M5S al congresso di Russia Unita, il partito di Putin. Erano presenti circa 40 delegazioni internazionali delle quali solo 10 hanno avuto parola, io sono stato il quarto in assoluto e l'unico italiano. Sinceramente ho apprezzato questo segnale. Noi, che ad oggi rappresentiamo solo una forza di opposizione, abbiamo avuto parola prima o al posto di vice presidenti di Parlamento e segretari di partiti di maggioranza.
Evidentemente in Russia hanno già capito che siamo prossimi al Governo se ci danno tutto questo peso e hanno apprezzato un lavoro onesto e sincero in questi due anni contro le sanzioni imposte dalla UE.
Qualcuno pensava che fossi andato a inchinarmi ai piedi del potente di turno come hanno sempre fatto i nostri politici, oggi in USA domani in Russia dopo domani chissà, invece no, sono andato a ribadire che il nostro unico obiettivo è difendere gli interessi nazionali italiani.
Per farlo dobbiamo immediatamente bloccare le sanzioni alla Russia e intraprendere un dialogo sull'antiterrorismo.
Credo abbiano apprezzato la fierezza e chiarezza con cui ho pronunciato la frase "noi non siamo né filo russi né filo statunitensi, siamo filo italiani" spiegando cosa significhi dover ristabilire una serie di relazioni, convenienti per l'Italia, interrotte per via della miope sudditanza a forze esterne.
Non ho potuto fare il video del mio intervento per questioni logistiche ma ho registrato l'audio e, in massima trasparenza, vi invito ad ascoltarlo.
Una politica estera differente è possibile, puntare ad una vera sovranità è possibile, serve solo una classe politica degna e fiera. Noi lo siamo. Ed è solo questione di tempo...
Fonte:http://www.ilblogdellestelle.it

3 commenti:

  1. fieri di votare 5 stelle che difendono l'italianità come valore fondante del movimento

    RispondiElimina
  2. Non schiavi ma liberi di essere amici di tutti i popoli

    RispondiElimina
  3. Vi amo tutti , ci date quella dignità di essere ITALIANI, Grazie

    RispondiElimina