domenica 19 novembre 2017

100.000 CONDIVISIONI! NON FAREMO ALLEANZE CON NESSUNO! QUESTO E' IL PUNTO FISSO DEL M5S



100.000 CONDIVISIONI!
NON FAREMO ALLEANZE CON NESSUNO!
QUESTO E' IL PUNTO FISSO DEL M5S.
NON DAREMO FIDUCIA AD UN GOVERNO FANTOCCIO
E ANDREMO ALLE ELEZIONI SUBITO ANCHE SCENDENDO IN PIAZZA! IMMEDIATAMENTE
CONDIVIDI OVUNQUE QUESTO VIDEO!





PANICO IN STUDIO! IL M5S HA LA RAI CONTRO! GUARDATE COSA È SUCCESSO IN DIRETTA E DIFFONDETE!

PANICO IN STUDIO! IL M5S HA LA RAI CONTRO! GUARDATE COSA È SUCCESSO IN DIRETTA E DIFFONDETE!


DI BATTISTA CONTRO BERLUSCONI: MI DEVE CHIEDERE SCUSA E BASTA! GUARDATE E DIFFONDETE OVUNQUE!

Ieri si è chiuso il comizio del Movimento 5 Stelle ad Ostia che vedrà domani, domenica 19, al ballottaggio il Movimento contro FdI. Presente, oltre alla sindaca di Roma Virginia Raggi e ad altri esponenti , Alessandro Di Battista che tra le altre cose ha raccontato di aver querelato Silvio Berlusconi per avergli detto che non è laureato.Parole pronunciate dal cavaliere anche durante la conferenza stampa per la candidatura di un esponente a sindaco di Monza. Così ha detto:” l’ 80% dei parlamentari del M5S non aveva mai presentato una dichiarazione dei redditi:vuol dire che sono senza nè arte nè parte. I due più visibili sono un fiume in piena perchè …sono fuori corso, non hanno nemmeno una laurea”.Continua:” si fanno mandare le domande dalle trasmissioni cui partecipano. Per governare l’ Italia serve competenza ed esperienza, loro sono bravi a fare le hostess al San Paolo e all’ Olimpico per guardarsi le partite”.Visto che parlano sempre di titoli di studio e ignoranza, Alessandro ha voluto informare Berlusconi che lui possiede ” quasi due lauree ed un master in tutela internazionale dei diritti umani , per questo lo ha querelato . Di Battista dice:” gli ho chiesto 100 mila euro ma mi accontento di una lettera di scuse dove dice < Di Battista vanta dei titoli accademici di tutto riguardo > mi basta questo”.Diciamo al cavaliere che oltre ad offendere tutti coloro che non hanno mai presentato una dichiarazione dei redditi, a noi la sua esperienza e competenza in campo di corruzione, illeciti e malaffare non ci interessa, adesso preferiamo dare spazio a chi ha competenza ed esperienza  e la mette in atto con onestà ,lealtà e trasparenza, a chi pensa prima al bene dei cittadini e poi a se stessi.


Il M5S fa respirare l’Italia. Hanno piantato più di 23 mila alberi in tutta Italia…Guardate e diffondete tutti informiamo chiunque!

È Luigi Di Maio che sul blog ufficiale di Beppe Grillo, ci notifica questa stupenda iniziativa presa dal Movimento 5 Stelle. Il vicepresidente della Camera ci ha informati che lui e Davide Casaleggio oggi si trovano a Milano per piantare gli alberi per il futuro.

In alcune città italiane, quelli che stanno lavorando tutto il giorno per riuscire nell’iniziativa sono proprio gli attivisti, gli eletti, i parlamentari e i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle. L’obiettivo di questa iniziativa è quello di continuare a coltivare quella che è la principale stella del Movimento, ovvero, l’ambiente e i beni comuni.Infatti, Luigi Di Maio, ha ricordato ai lettori del suo blog che è grazie ai beni comuni che si può assicurare la sopravvivenza dell’individuo, del cittadino e la sua qualità della vita, e ha pienamente ragione!Il Movimento 5 Stelle ha sempre tutelato i beni comuni dalle logiche di business e dalle logiche di speculazione. Questa iniziativa presa, racconta anche un’idea di Paese. O meglio, un’idea di Paese in cui si piantano alberi per coltivare il futuro, per coltivare sensibilità ambientali e soprattutto per respirare.Luigi Di Maio infatti ha scritto: “Facciamo respirare questo Paese e facciamo respirare l’Italia”. Poi però, nel suo post, Di Maio ha messo ben in evidenza quanto tengono ad andare al Governo dicendo che spera che il Paese possa prendere un bel respiro per le prossime 15/16 settimane che ci porteranno alle elezioni politiche.Non è finita qui, Di Maio ci ha anche informato che stanno cercando di spostare la data delle elezioni perché sperano di poter guadagnare tempo per mettersi d’accordo e fare alleanze tra di loro, accordi e coalizioni. Il Movimento 5 Stelle ha rispetto per i loro dialoghi interni e delle loro diatribe interne ma ha puntualizzato che se pensano, come hanno fatto con il referendum, di poter spostare in avanti le elezioni per prendere un po’ di fiato si sbagliano.Luigi Di Maio ha concluso il suo post scrivendo: “Del resto l’unico risultato che hanno ottenuto con questi giochetti è perdere. E perderanno ancora facendo così. Consentano ai cittadini di andare a votare. Delle loro questioni interne non ci interessa, soprattutto se deve condizionare il voto per le politiche. Dobbiamo e vogliamo andare a votare il prima possibile. Ci mandino al voto, come la Costituzione chiede”. Dobbiamo cambiare l’Italia, votiamo il Movimento 5 Stelle per un nostro futuro migliore! Diffondete!


+++ GRANDE DI MAIO +++ VESPA DETTO CHI STRISCIA NON INCIAMPA ATTACCA SUBITO IL NOSTRO LUIGI DI MAIO MA IL NOSTRO PRESIDENTE LO ANNULLA ALL'ISTANTE! GUARDATE E DIFFONDETE!



+++ GRANDE DI MAIO +++
VESPA DETTO CHI STRISCIA NON INCIAMPA ATTACCA SUBITO IL NOSTRO LUIGI DI MAIO MA IL NOSTRO PRESIDENTE LO ANNULLA ALL'ISTANTE!
GUARDATE E DIFFONDETE!

QUESTO RAGAZZO È UN GRANDE! ALESSANDRO DI BATTISTA INCANTA LA GRUBER E M...

QUESTO RAGAZZO È UN GRANDE! ALESSANDRO DI BATTISTA INCANTA LA GRUBER E M...


sabato 18 novembre 2017

APPENDINO SENZA FRENI ANCORA TAGLI NELLA POLITICA DI TORINO GUARDATE E DIFFONDETE...

Domani a Torino ci sarà la cerimonia ufficiale di insediamento del sindaco Chiara Appendino, che sarà trasmessa in diretta streaming qui sul Blog delle Stelle e sulla pagina Facebook del MoVimento 5 Stelle di Chiara Appendino, sindaco di Torino Cinque milioni di euro. Questa è la cifra che risparmiaremo tagliando i costi della politica a Torino. In particolare, l’intervento mira a tagliare del 30% quello che chiamo "spoil system", ovvero quella galassia di staffisti e dirigenti fiduciari in forza alla precedente amministrazione guidata dal Piero Fassino. In una città come Torino che ha il primato nel nord Italia della disoccupazione giovanile, oltre il 40%, è naturale la scelta di investire questo risparmio nel rilancio delle piccole imprese che si impegnano ad assumere giovani. Un milione all’anno per cinque anni, destinati alle piccole e medie imprese del territorio. Si tratta solo di una prima manovra per andare a incidere su un tema così delicato e importante per la nostra comunità. In campagna elettorale, in più occasioni, abbiamo parlato del rilancio della vocazione produttiva di Torino e questo sarà il faro che guiderà il Governo della città per la prossima legislatura. Il nostro compito oggi è dimostrare che un’alternativa di buona amministrazione è possibile. Un’amministrazione onesta, trasparente, basata sulle competenze e sul merito. Abbiamo già iniziato a farlo. Abbiamo dimostrato che crediamo nel merito presentando prima del voto una larga parte della Giunta. Ci hanno detto che era una scelta "stravagante", che non si poteva fare. Bene, lo abbiamo fatto. Abbiamo dimostrato che si può fare una campagna elettorale vincente con 41mila euro che sono arrivati da donazioni spontanee di cittadini. Ci dicevano che era impossibile, lo abbiamo fatto. Abbiamo promesso trasparenza e abbiamo già dimostrato come una Giunta comunale possa comunicare con i cittadini sfruttando le nuove tecnologie, per questo poco più di una settimana fa io e la mia Giunta eravamo live su Facebook e hanno preso l’impegno di farlo almeno una volta al mese. Perché quelle stanze sono di tutti i cittadini, e tutti devono sapere cosa accade. Infine, ci dicevano che a Torino era impossibile vincere, lo abbiamo fatto. Il desiderio è che da oggi tutti i cittadini siano coinvolti e partecipi nel progetto di cambiamento della città. Per questo motivo creeremo dei sistemi di partecipazione attiva alla vita pubblica, sia attraverso i nuovi strumenti digitali che attraverso il più classico dei modi, ovvero il colloquio personale. Motivo per cui io e la mia Giunta dedicheremo un giorno al mese a ricevere i cittadini che lo richiedono.